Croma contro un ulivo, ferito grave

CELLINO SAN MARCO – L'auto, una Fiat Croma, si è accartocciata intorno al tronco di un grosso albero di ulivo, sono scoppiati gli airbag laterali e il parabrezza si è frantumato. Il guidatore è rimasto incastrato nell'abitacolo ridotto quasi a un groviglio di lamiere. Si sono vissuti veri e propri momenti di panico intorno alle 12 di oggi sulla strada provinciale che collega Cellino San Marco a Oria, dove un automobilista di Oria, Vincenzo Delli Fiori, 34 anni, dopo aver perso il controllo della sua vettura è andato a sbattere contro un albero di ulivo presente sul ciglio della carreggiata.

La Croma sul carro attrezzi

CELLINO SAN MARCO – L'auto, una Fiat Croma, si è accartocciata intorno al tronco di un grosso albero di ulivo, sono scoppiati gli airbag laterali e il parabrezza si è frantumato. Il guidatore è rimasto incastrato nell'abitacolo ridotto quasi a un groviglio di lamiere. Si sono vissuti veri e propri momenti di panico intorno alle 12 di oggi sulla strada provinciale che collega Cellino San Marco a Oria, dove un automobilista di Oria, Vincenzo Delli Fiori, 34 anni, dopo aver perso il controllo della sua vettura è andato a sbattere contro un albero di ulivo presente sul ciglio della carreggiata.

L'uomo, soccorso prima da alcuni automobilisti e poi dai sanitari del 118 è stato trasportato presso l'ospedale Perrino di Brindisi, le sue condizioni sono gravi, la prognosi è riservata. Cosa abbia fatto perdere il controllo della Fiat Croma al 34enne oritano che intorno a mezzogiorno di oggi si stava dirigendo versa casa, è al vaglio dei carabinieri della stazione di Cellino San Marco intervenuti poco dopo sul luogo del sinistro.

Non si esclude che a mandare l'auto fuori strada sia stato il sopraggiungere di un improvviso ostacolo o un colpo di sonno. Fortunatamente quando il mezzo è diventato incontrollabile, sulla carreggiata non c'erano altri automobilisti, la Fiat Croma dopo aver sbandato ha invaso la corsia opposta finendo contro un albero di ulivo. Il lato del passeggero si è accartocciato, l'automobilista è stato sballottato nell'abitacolo ed è rimasto incastrato al suo interno. Sul posto si è subito portata una pattuglia del 112 che vedendo le condizioni in cui si era ridotta quella Fiat Croma ha richiesto l'intervento dei vigili del fuoco insieme ai sanitari del 118.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'arrivo dei pompieri il ferito era stato già estratto e trasportato in ospedale. Gravissime le sue condizioni. L'auto, dopo che i carabinieri hanno eseguito tutti i rilievi di rito tesi a stabilire l'esatta dinamica dell'incidente è stata rimossa con il carro attrezzi e trasferita nel deposito giudiziario Tarantini di San Pietro Vernotico a disposizione di ulteriori perizie. Sul posto si sono recati i genitori del ferito che hanno svuotato la vettura dagli effetti personali, sui sedili posteriori c'era un seggilino di sicurezza per bambini, fortunatamente in quel momento Vincenzo Delli Fiori viaggiava da solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Muore soffocato da un pezzo di focaccia

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

  • Allarme clima: la provincia di Brindisi è quella che si sta riscaldando di più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento