menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sequestro discarica abusiva di Eternit

Sequestro discarica abusiva di Eternit

Cumuli di eternit nella discarica abusiva: scatta una denuncia

FASANO - Sotto il cielo, dunque, un ammasso di rifiuti speciali e pericolosi Vecchie “carcasse” di ogni genere, dunque, smaltite ed abbandonate in aperta campagna, su un terreno agricolo (per complessivi 5.500 metri quadrati) adibito abusivamente a discarica e utilizzato, fuori da ogni criterio di legge, come area di stoccaggio. Uno sfregio ambientale a due passi dal centro abitato di Fasano.

FASANO - Sotto il cielo, dunque, un ammasso di rifiuti speciali e pericolosi Vecchie "carcasse" di ogni genere, dunque, smaltite ed abbandonate in aperta campagna, su un terreno agricolo (per complessivi 5.500 metri quadrati) adibito abusivamente a discarica e utilizzato, fuori da ogni criterio di legge, come area di stoccaggio. Uno sfregio ambientale a due passi dal centro abitato di Fasano.

Così per una persona, ritenuta responsabile di procurato inquinamento ambientale, è scattata la denuncia all'Autorità giudiziaria. A scoprire il sito sono stati i militari della Compagnia della Guardia di finanza di Fasano, che sulla scorta di opportuni controlli ed indagini, hanno eseguito e portato a termine nei giorni scorsi la specifica operazione di servizio in materia di tutela ambientale.

Giunti sul posto le fiamme gialle hanno proceduto al sequestro dei suoli agresti, all'interno dei quali vi era depositato un po' di tutto. Tra i rifiuti speciali rinvenuti dalle fiamme gialle, anche tonnellate di rifiuti speciali pericolosi, tra cui un quantitativo di coperture in eternit in avanzato stato di degrado. Indagini sono tuttora in corso per accertare le responsabilità della persona segnalata all'autorità giudiziaria e per individuare ulteriori soggetti responsabili del reato contestato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento