menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Brindisi partite 11 tonnellate di farmaci e presidi sanitari per il Niger

Il personale del distaccamento Aeroportuale di Brindisi ha garantito il supporto per l’invio di nuovi aiuti umanitari a sostegno della Missione Bilaterale di Supporto in Niger

BRINDISI - Nella giornata di ieri, giovedì 24 maggio, il personale militare “Movement& Transportation” del locale Atoc di Brindisi ha risposto con efficienza, efficacia ed immediatezza effettuando tutte le operazioni di carico del C-130J appartenente alla 46^ Brigata Aerea dell’Am di Pisa, per il trasporto del secondo lotto di farmaci e presidi sanitari necessari al supporto della Missione Bilaterale di Supporto in Niger (Misin) e dell’Ambasciata d’Italia a Niamey.

volo umanitario4-3

Avviati i contatti con il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, coinvolgendo anche le Nazioni Unite con la base di Pronto intervento umanitario (Unhrd) di Brindisi, si è così potuto prontamente reperire tutto il materiale sanitario richiesto. Grazie, poi, al vettore aereo C130 della 46^ Brigata Aerea dell’Aeronautica Militare, reso disponibile dallo Stato maggiore aeronautica, è stato possibile trasportare e consegnare alle autorità nigerine il prezioso carico di oltre 11 tonnellate. Si tratta principalmente di farmaci contro colera e malaria, nonché di kit di emergenza per il trattamento sanitario e chirurgico d’emergenza e per la cura di traumi.

volo umanitario3-3

La consegna di tale materiale è avvenuta presso l’aeroporto internazionale “Diori Hamani” di Niamey, tale donazione rappresenta un segno della volontà di supportare fattivamente le autorità nigerine a fronteggiare una situazione d’emergenza e costituisce, nel contempo, una chiara dimostrazione di come le missioni svolte dall’Aeronautica Militare all’estero sono espressione concreta alla tutela delle popolazioni in difficoltà.

La Base di Pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd) è ospitata dal 2000 dall'Italia sul Distaccamento aeroportuale di Brindisi e dal 2013 presso l'ex base Usaf (United States Air Force) di San vito dei Normanni dove in un'area di circa 120mila mq sono ubicati i depositi dell'Agenzia nei quali vengono immagazzinati gli aiuti e i materiali umanitari prima dell'invio in ogni parte del pianeta.

volo umanitario aereo C130-2

Il Distaccamento di Brindisi, posto alle dipendenze del Servizio dei supporti del comando logistico, fornisce, 24 ore su 24, 365 giorni all'anno, assistenza ai velivoli di passaggio appartenenti ai Paesi della Nato ed espleta la funzione di aeroporto alternato del 36° Stormo di Gioia del Colle e del 61 ° Stormo di Galatina, inoltre fornisce il supporto logistico ed amministrativo agli Enti di Forza Armata dell'area brindisina, infine assicura  l'assistenza alle Nazioni Unite, vero e proprio "core business" dell'Ente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento