Senza fine le incursioni e i danni agli impianti del Parco Buscicchio

Nuovamente colpito il tensostatico del polo federale di ginnastica, di proprietà comunale. Nelle ultime settimane presa di mira la pizzeria

BRINDISI – Una criminalità stracciona e impunita, che non può essere liquidata solo come vandalismo presumendo che gli autori siano minorenni o comunque giovanissimi, continua a saccheggiare e danneggiare il patrimonio sportivo pubblico a Brindisi. È un martirio quello cui è sottoposto il Centro Buscicchio di via Mantegna, al quartiere Sant’Elia. Martedì sera, poco prima delle 20, Enio De Cesare della società di ginnastica Temese ha ricevuto l’ennesimo annuncio di una incursione al tensostatico comunale che il sodalizio gestisce in convenzione, e che è un centro federale della specialità.

“Avevamo appena finito di montare i pannelli del tunnel che collega il tensostatico agli spogliatoi, e alle 17,30 avevamo finito gli allenamenti individuali”, racconta De Cesare. In serata è giunta la telefonata che avvertiva dell’intrusione. Non c’è stato furto, ad un primo esame, ma due pannelli del tunnel sono stati divelti per creare un passaggio. Giusto per rimarcare chi “comanda” a Parco Buscicchio.

incursione tensostatico parco buscicchio 12  maggio 2020-2

Purtroppo quasi certamente gli stessi soggetti, in pieno lockdown, hanno invece continuato a depredare la pizzeria “Al Parco” gestita dalla famiglia Sardano, che si trova nel centro di via Mantegna. È accaduto recentemente, tra il 27 e il 28 aprile, quando è stata rubata la pompa dell’acqua e ed è stata forzata la porta della cucina. Era accaduto la sera di Pasquetta, quando nel corso dell’incursione sono stati distrutti tavoli, sedie e lampadari. Era accaduto a gennaio.

Proprio a gennaio l’assessore allo Sport, Oreste Pinto, aveva sottolineato che questi raid non erano opera di vandali occasionali, ma che si trattava di un gruppo organizzato. In quelle settimane si erano verificate ben quattro intrusioni nel Parco Buscicchio, nel mirino sempre il tensostatico gestito dalla Temese e la pizzeria Sardano, ma anche danni e furti all’impianto della Cedas Avio sempre al Sant’Elia, oltre che nello skate park del Casale, per il quale il Comune ha recentemente varato un progetto di recupero e ristrutturazione.

Da tempo, va detto, viene segnalata la presenza al Buscicchio in ore serali e a parco chiuso di gruppi di ragazzi che bevono, rompono bottiglie e fanno ciò che vogliono. Ma neppure una volta c'è stato un intervento per bloccarli e quanto meno identificarli. Di questo passo la depredazione e il danneggiamento sistematico del patrimonio pubblico e privato del centro sportivo comunale del Sant'Elia ci costringeranno a prevedere nuove puntate della stessa, sconfortante serie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento