Abbattuta nel cortile della scuola lapide dedicata a Falcone

Nella serata di ieri, giovedì 19 dicembre, nel giardino della primaria di Torre Santa Susanna

TORRE SANTA SUSANNA – Ignoti in azione nella scuola elementare Giovanni Falcone a Torre Santa Susanna. Nella serata di ieri, giovedì 19 dicembre, mentre i bambini festeggiavano la nascita di Gesù, alcuni individui hanno abbattuto una stele infissa nel cortile della scuola in memoria del magistrato siciliano vittima di mafia, simbolo di legalità. Si tratta di un’opera in pietra leccese realizzata dallo scultore torrese Antonio D’Ambrano, installata dieci anni fa in occasione dell’inaugurazione dell’albero della legalità: un ulivo piantato e curato dai bambini. Soggetti senza scrupoli e senza coscienza quindi. Del fatto sono stati informati i carabinieri che hanno avviato le indagini per individuare i responsabili del danneggiamento. Non si esclue alcuna ipotesi: il raggio delle indagini va dal danneggiamento ad opera di vandali, ad una azione criminosa di ben altra natura. Torre Santa Susanna è stata la città se di uno dei clan più pericolosi della Sacra Corona Unita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Sgombero da alloggio popolare: la famiglia resiste, sfratto prorogato

  • Covid-19: oltre 10mila i tamponi effettuati. I positivi continuano a crescere

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento