rotate-mobile
Cronaca

Legge Brunetta, il giudice reintegra un primario

BRINDISI - Messo in pensione dalla Asl di Brindisi in applicazione del decreto Brunetta malgrado un precedente provvedimento di trattenimento in servizio, il direttore dell’Unità di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Perrino, Vincenzo Caretto, è stato “riassunto” da una ordinanza del tribunale del lavoro di Brindisi destinata a fare giurisprudenza.

BRINDISI - Messo in pensione dalla Asl di Brindisi in applicazione del decreto Brunetta malgrado un precedente provvedimento di trattenimento in servizio, il direttore dell'Unità di Anestesia e Rianimazione dell'ospedale Perrino, Vincenzo Caretto, è stato "riassunto" da una ordinanza del tribunale del lavoro di Brindisi destinata a fare giurisprudenza.

L'incarico direttivo conferito a Caretto aveva come scadenza il primo giorno del gennaio 2012, ma l'intervenuto articolo 72 comma 10 del decreto 112/08 prevede che "i trattenimenti in servizio già autorizzati con effetto a decorrere dall'1 gennaio 2010 decadono ed i dipendenti interessati al trattenimento sono tenuti a presentare una nuova istanza nei termini di cui al comma 7".

Caretto lo aveva fatto su richiesta della Asl, ma poi l'azienda lo aveva mandato in pensione utilizzando la discrezionalità prevista dallo stesso comma 7. Il tribunale su richiesta degli avvocati Fabio Patarnello e Biagio Francesco Leo però ha bocciato la Asl e l'applicazione della norma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge Brunetta, il giudice reintegra un primario

BrindisiReport è in caricamento