Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Bande di borseggiatori fanno bottino al mercato settimanale di S.Elia

Numerosi furti di portafogli quest’oggi al mercato settimanale di Sant’Elia. Come ogni giovedì via Caravaggio e le strade limitrofe, nel quartiere periferico di Brindisi, vengono occupate da venditori ambulanti e popolate da acquirenti o semplici curiosi

BRINDISI - Numerosi furti di portafogli quest’oggi al mercato settimanale di Sant’Elia. Come ogni giovedì via Caravaggio e le strade limitrofe, nel quartiere periferico di Brindisi, vengono occupate da venditori ambulanti e popolate da acquirenti o semplici curiosi. E come ogni settimana sono molte le persone che si riversano tra i banchi per fare acquisti diventando facili prede di borseggiatori. Due denunce (ma i casi non si fermerebbero a queste segnalazioni) per furto di portafogli giunte al Comando dei vigili urbani che si occupano di controllare le attività del mercato.

“Ci sono arrivate diverse segnalazioni, i furti sarebbero stati commessi tra le 9 e le 10 di questa mattina - dichiara a BrindisiReport.it  Teodoro Nigro, comandante della polizia municipale - sul posto prestano servizio, come ogni giovedì, diversi agenti, anche in borghese. Purtroppo oggi non siamo stati fortunati, molto probabilmente si saranno dileguati dopo aver portato a termine i colpi”.

Dalle denunce arrivate al comando della Municipale si è riusciti a tracciare una minima identificazione ed a ricostruire il modus operandi dei delinquenti che dovrebbero essere di nazionalità slava e si muoverebbero in gruppi formati da tre o quattro individui. “Ogni giovedì i nostri agenti perlustrano la zona interessata dal mercato, ma spesso riusciamo a creare solo un effetto deterrente, bisognerebbe coglierli in flagranza di reato, e ciò, come si può immaginare, non è affatto semplice” conclude il comandante Nigro.

Il mercato settimanale di S.Elia a Brindisi-2Gli agenti della Municipale che in occasione di ogni mercato sono chiamati a vigilare su più fronti, come l’abusivismo, il parcheggio selvaggio ed eventuali furti, non hanno vita facile per arginare questo fenomeno. Di solito i borseggiatori si muovono in gruppi organizzati, con destrezza e con movimenti coordinati riescono a portare a termine più furti in un breve lasso di tempo per poi dileguarsi tra la folla. Questo rende difficilissimo individuarli e riuscire a fermarli diventa quasi sempre solo un caso di fortuna, come ricordato dal comandate della polizia municipale Teodoro Nigro.

Quello di oggi non è un caso isolato, l’afflusso di persone e la confusione che normalmente si crea rappresenta un’occasione troppo ghiotta per i borseggiatori e quasi ogni settimana si registrano furti, quasi sempre ai danni di persone più anziane e quasi sempre l’oggetto dei desideri è il borsellino di questi malcapitati. E sta diventando quasi un rito provare a ritrovare l’oggetto sottratto presso gli spazi esterni della delegazione comunale, in via Ligabue, dove “magicamente” compaiono i portafogli scomparsi.

Spesso, infatti, è possibile ritrovare il proprio borsello, naturalmente svuotato da ogni bene di valore, facendo una capatina nelle aiuole dell’ufficio comunale e con un minimo di fortuna si può rientrare in possesso perfino i documenti custoditi all’interno del portafoglio. E così in poche ore si può passare dal maledire il borseggiatore al ringraziarlo per il gesto di “cortesia”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bande di borseggiatori fanno bottino al mercato settimanale di S.Elia

BrindisiReport è in caricamento