Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

D'età compresa fra i 28 e i 60 anni, hanno omesso di comunicare l’intervenuta variazione dello stato di famiglia

BRINDISI – Percepivano il reddito di cittadinanza, nonostante non ne avessero i requisiti. Undici persone sono state denunciati a piede libero a seguito di una serie di accertamenti effettuati dai carabinieri della stazione di Brindisi Centro.

In particolare, i militari, nell’ambito dei servizi finalizzati all’indebita percezione del reddito di cittadinanza disposti dal Comando Provinciale, hanno identificato 11 persone dell’età compresa tra i 28 e 60 anni, tutti di Brindisi, che hanno omesso di comunicare l’intervenuta variazione dello stato di famiglia, percependo indebitamente, a partire dal 13 febbraio, emolumenti non dovuti, per un totale di circa 44.000 euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro sulla provinciale: muore un bambino di 16 mesi

  • Scontro fra auto e scooter sulla provinciale: muore il motociclista

  • Coronavirus, nuovo picco di contagi: 33 casi in Puglia, 4 nel Brindisino

  • Nuova ordinanza regionale: obbligo di mascherina anche in spazi all'aperto

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Marito aggredito con l'acido: la moglie non parla davanti al giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento