rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Carovigno

Denuncia delle minacce malavitose e mai più matrimoni a Torre Guaceto

Consentendo la celebrazione di una cerimonia nuziale sotto l'antica torre di guardia dell'Area marina protetta di Torre Guaceto, il consorzio di gestione ha seguito una procedura corretta, ma da questo momento in poi a Torre Guaceto si svolgeranno solo eventi in tono con la mission della riserva dello Stato

CAROVIGNO – Consentendo la celebrazione di una cerimonia nuziale sotto l’antica torre di guardia dell’Area marina protetta di Torre Guaceto, il consorzio di gestione ha seguito una procedura corretta, ma da questo momento in poi a Torre Guaceto si svolgeranno solo eventi in tono con la mission della riserva dello Stato. Lo ha deciso il consiglio di amministrazione del Consorzio di gestione di Torre Guaceto, composto da sei membri, due ciascuno in rappresentanza dei Comuni di Brindisi e Carovigno, e del Wwf Italia.

Allestimento matrimonio a Torre Guaceto-2Lo annuncia un comunicato dello stesso consiglio di amministrazione, che nell’ultima seduta si è occupato anche degli episodi criminosi ai danni di uno dei custodi del centro visite di Torre Guaceto, aggredito da persone incappucciate durante un cambio turno, e dei danneggiamenti subiti dal consigliere Cosimo Santacroce, il quale subito dopo i fatti aveva rassegnato le dimissioni dal cda, il quale lo ha invitato a ritirarle esprimendogli vicinanza e solidarietà. Nelle stesse ore era stata danneggiata anche l’auto del sindaco Mimmo Mele.

Fatti di circa due settimane addietro, di cui gli investigatori non avevano dato notizia. Ma non si tratta certo dei primi segnali delle attenzioni malavitose che si sono concentrate sulla riserva, che ha vissuto sino a qualche mese addietro una vita non condizionata da questo genere di intimidazioni, riuscendo a risanare anche piccoli fenomeni di abusivismo. Ma le capacità di autofinanziamento raggiunte dal consorzio di gestione, le attività culturali ma anche economiche (coltivazioni agricole di qualità) che si svolgono nel perimetro della riserva dello Stato e dell’Area marina protetta, ora sono diventate probabilmente “interessanti” per certa criminalità, che forse pretende posti di lavoro o altro.

torre_guaceto_3-2Minimizzare questi episodi non serve. Nasconderli neppure. Torre Guaceto è una grande risorsa ambientale e turistica della Puglia, e non solo del Brindisino, è stata difesa in passato da tentativi di sfruttamento e di cementificazione, e adesso va difesa dai tentativi di ingerenze malavitose e dalle intimidazioni al cda e al personale del consorzio.

“In data odierna  - di legge nel comunicato - si è riunito con procedura d' urgenza  il cda del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto per un confronto sulle ultime vicende che hanno interessato la riserva e, in particolare, le aggressioni,  contro il consigliere d' amministrazione Cosimo Santacroce, dimissionario dopo aver subito  un  grave atto di intimidazione, e un guardiano del parco preso a pugni da alcuni malintenzionati a volto coperto”.

“Per quanto riguarda Santacroce,  il cda ha chiesto al consigliere di ritirare le dimissioni e di continuare il suo lavoro e ha espresso la più ampia solidarietà al vigilante nella speranza che la magistratura faccia al più presto  chiarezza sull' accaduto”, si augura l’organo di amministrazione dell’area protetta. I fatti sono stati denunciati a suo tempo ai carabinieri della stazione di Carovigno e della compagnia di San Vito dei Normanni

Una insenatura di Torre Guaceto“Per quanto riguarda le polemiche scatenate sulla stampa per la celebrazione di un matrimonio presso la torre, il cda, dopo aver riscontrato la correttezza delle procedure contenute nel regolamento del consorzio, nel respingere tutte le strumentalizzazioni  del caso, ha deciso di prendere in considerazione per il futuro, solo ed esclusivamente eventi che abbiano un forte e chiaro messaggio e contenuto di sostenibilità cosi come previsto nelle finalità istituzionali della riserva”.

E’ ciò che tutti si augurano, sperando che la denuncia da parte della stampa di episodi come quello del matrimonio ai piedi dell’antica torre di guardia spagnola non vengano scambiati per polemiche: si tratta di denunce. E’ una cosa diversa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denuncia delle minacce malavitose e mai più matrimoni a Torre Guaceto

BrindisiReport è in caricamento