Depredava le case di campagna: la refurtiva trovata nella sua abitazione

I carabinieri hanno individuato il presunto responsabile di una serie di furti perpetrati fra agosto e ottobre

VILLA CASTELLI – Parte del bottino di una serie di razzie nelle campagne, si trovava nella sua abitazione. Un 43enne di Villa Castelli è stato denunciato a piede libero per il reato di furti in abitazione continuati. I carabinieri della locale stazione sono giunti sulle sue tracce a seguito della denuncia querela sporta da un 76enne di Grottaglie (Taranto) e da un 28enne e un 87enne, entrambi di Villa Castelli. I furti sono stati perpetrati fra il 22 agosto e il 6 ottobre 2020. Nella casa dell’indagato i carabinieri hanno trovato: infissi in ferro, vasellame e porcellane da cucina, attrezzi agricoli e biciclette. La refurtiva recuperata è stata sottoposta a sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento