Irregolarità nello stoccaggio dei rifiuti: denunciata un'imprenditrice

Illeciti ambientali contestati a una 36enne titolare di un'azienda della provincia di Brindisi, dopo controllo del Noe

Foto di repertorio

BRINDISI – L’amministratrice unica di una ditta della provincia di Brindisi che si occupa dello stoccaggio e del recupero di rifiuti speciali non pericolosi è stata denunciata a piede libero per reati ambientali, a seguito di un controllo effettuato nei giorni scorsi dai carabinieri del Noe di Lecce. L’imprenditrice è una brindisina di 36 anni. 

I militari nel corso delle verifiche hanno accertato il mancato rispetto di una serie di prescrizioni imposte all’azienda nell’autorizzazione, tra le quali il superamento dei quantitativi massimi di rifiuti e materie prime stoccate all’interno dell’impianto e in parte su aree diverse da quelle autorizzate; la mancata e costante pulizia e manutenzione della rete di raccolta delle acque meteoriche, nonché la mancata installazione della cartellonistica indicante la tipologia dei rifiuti e materiali stoccati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento