menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Rave party in Lucania: i carabinieri denunciano altri sei brindisini

Si aggiungono agli otto ragazzi della provincia di Brindisi già denunciati. L'evento risale al mese di dicembre 2018

Altre sei persone, tutte residenti nella provincia di Brindisi, sono state denunciate per un rave party svoltosi tra la sera dell’8 e la mattina del 9 dicembre 2018 a Lavello (Potenza). Questi si aggiungono agli otto brindisini che erano già stati denunciati nei mesi scorsi.

Complessivamente, da quanto appurato dai militari, parteciparono alla festa clandestina oltre 300 persone provenienti da Puglia, Campania e Calabria. Agli indagati sono stati contestati i reati di danneggiamento, invasione di terreni o edifici e deturpamento di cose altrui. 
Tra i 149 identificati e denunciati, 14 risiedono in comuni della provincia di Brindisi, rispettivamente un 22enne e una 20enne di Cisternino, una 22enne e un 25enne di Erchie, un 22enne di Mesagne, un 23enne di Ostuni, un 23enne di San Vito dei Normanni, un 29enne di Francavilla Fontana, un 21enne di San Michele Salentino, una 26enne e tre 20enni di Brindisi, un 26enne di Pezze di Greco.

Tra i denunciati il mesagnese 22enne, risulta che ha anche partecipato al “rave party” di Capodanno 2018 in contrada Pergola di Francavilla Fontana. Nella circostanza la Compagnia carabinieri di Francavilla Fontana denunciò per gli stessi reati contestati dai Carabinieri di Lavello, 200 persone. L’evento di Francavilla Fontana fu di caratura internazionale, infatti i partecipanti oltre che da varie regioni d’Italia, provenivano da altre nazioni europee quali Romania, Francia, Gran Bretagna, Venezuela, Svizzera e Bielorussia e avevano deciso di festeggiare il nuovo anno in quell’area, individuando nella masseria di contrada Pergola. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento