Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Rider picchiato nel centro di Brindisi: denunciato un secondo minorenne

Individuato il presunto complice del minore che la sera dell'1 maggio aggredì un lavoratore che stava effettuando una consegna. Movente ancora da chiarire

Fu picchiato e derubato da due minorenni. Si è chiuso il cerchio sulla violenta aggressione subita nella tarda serata dell'1 maggio da un rider brindisino che stava facendo il suo lavoro, nel centro di Brindisi. Dopo l’arresto di un minore avvenuto lo scorso 4 settembre, i poliziotti sono risaliti all’identità anche del suo complice, di 16 anni. Il giovane è stato denunciato a piede libero per le percosse e lesioni subite dalla vittima.

Il malcapitato, giunto in piazza Cairoli, si fermò su un marciapiede in sella alla sua bici, per consultare le informazioni riguardanti una consegna. In quei frangenti fu assalito da due individui che dopo averlo fatto rovinare per terra, lo picchiarono con calci e pugni. Le indagini avviate dalla Squadra Mobile, come detto, portarono a una prima svolta lo scorso 4 settembre, quando venne emesso il provvedimento cautelare della permanenza in casa, così come disposto dal gip del tribunale per i minorenni di Lecce su richiesta dell’autorità giudiziaria, nei confronti di un minorenne brindisino.

Ma gli accertamenti sono proseguiti, perché le forze dell’ordine sapevano che questi non aveva agito da solo. Si è arrivati così alla denuncia del secondo presunto responsabile del gesto. “Le fonti di prova acquisite – si legge in una nota della questura – durante la ricostruzione meticolosa e certosina degli investigatori, restituisce un quadro probatorio assolutamente difforme rispetto a quanto, inizialmente, il giovane denunciato ha tentato di rappresentare”. Resta da chiarire, però il movete di quella che non può essere etichettata come una semplice bravata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rider picchiato nel centro di Brindisi: denunciato un secondo minorenne

BrindisiReport è in caricamento