Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Destinatario di mandato di arresto europeo, cambiava domicilio per non farsi trovare

Destinatario di un mandato di arresto europeo emesso dalle Autorità giudiziarie rumene si “nascondeva” a Ceglie Messapica ma è stato trovato dai poliziotti del commissariato di polizia di Ostuni unitamente ai colleghi del comando di polizia Locale

CEGLIE MESSAPICA – Destinatario di un mandato di arresto europeo emesso dalle Autorità giudiziarie rumene si “nascondeva” a Ceglie Messapica ma è stato trovato dai poliziotti del commissariato di polizia di Ostuni unitamente ai colleghi del comando di polizia Locale. Si tratta di Florian Ciprian Neacsu, 35 anni, nato in Romania di fatto domiciliato in Ceglie Messapica, condannato a 3 anni di reclusione per reati connessi al Codice della Strada rumeno.

Le ricerche, fin da subito, non sono apparse particolarmente agevoli, dal momento che il ricercato, pur risultando Neacsu Florin Ciprian-2residente in una determinata via del comune cegliese, tendeva a mutare frequentemente domicili, proprio al fine di non dare certi riferimenti in merito alla propria persona e alle proprie abitudini di vita.

Nonostante ciò, la conoscenza del territorio da parte degli operatori del commissariato, diretto dal commissario capo Gianni Albano, ancor di più, da parte dei colleghi della Polizia Locale, diretta dal capitano Cataldo Bellanova, si è rivelata decisiva e risolutiva. Ricordando di un recente intervento eseguito all’interno di una palazzina per questioni connesse a diverbi condominiali, durante la quale si era proceduto all’identificazione completa delle persone coinvolte, sono stati incrociati i dati acquisiti con quelli della segnalazione del ricercato in possesso degli agenti del commissariato della Città Bianca, riuscendo ad individuare con certezza l'attuale domicilio del rumeno. E’ stato così organizzato il servizio di cattura. Il ricercato non ha opposto resistenza, trasferito negli uffici del commissariato è stato poi sottoposto a fotosegnalamento per accertare oggettivamente l’esatta corrispondenza dei dati anagrafici di cui alla nota di ricerca e quelli del fermato.

I servizi congiunti di controllo del Comune di Ceglie messapica da parte della Polizia ostunese e di quella Municipale del luogo, proseguiranno attivamente nei prossimi giorni nell’ottica della sicurezza generale.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Destinatario di mandato di arresto europeo, cambiava domicilio per non farsi trovare

BrindisiReport è in caricamento