menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Detenuti del carcere di Brindisi regalano manufatti in creta a prefetto e commissario

Consegnati una chiave con lo stemma della città e un fermacarte con in bassorilievo il capitello della colonna romana

BRINDISI - Una chiave con lo stemma della città di Brindisi e un fermacarte con in bassorilievo il capitello della colonna romana sono stati consegnati al prefetto Valerio Valenti e al commissario prefettizio del Comune di Brindisi  Santi Giuffrè, in una cerimonia svoltasi all’interno della casa circondariale di Brindisi,dai detenuti del laboratorio artistico-artigianale, guidati dai volontari dell’associazione “Rompi le sbarre” di Brindisi.

fermacarte-2

“E’ stato un momento molto importante per la nostra realtà carceraria – ha dichiarato la direttrice della casa circondariale di Brindisi Anna Maria Dello Preite – in quanto questi manufatti saranno offerti alle delegazioni che visiteranno la nostra città sia dal prefetto che dal commissario prefettizio. Un segnale importante che dà valore al lavoro, all’impegno e alle professionalità dei detenuti in una visione più ampia di inclusione sociale per i ristretti e di promozione delle attività svolte all’interno del carcere. Ringrazio, pertanto, la sensibilità del di Valenti e di Giuffrè che da subito hanno fatto propria questa idea”.

chiave-2

“La nostra associazione – ha dichiarato Daniela Angelini, presidente dell’associazione di volontariato “Rompi le sbarre” – ha da poco avviato le sue attività all’interno della casa circondariale di Brindisi ma abbiamo voluto sin da subito dare un segnale chiaro e forte di quella che è la nostra idea di volontariato in carcere. Non semplici parole ma fatti concreti e la cerimonia di consegna di oggi ha rappresentato il primo grande risultato ottenuto in primis dai detenuti che hanno partecipato ai  laboratori, quello artistico artigianale e quello di stampa digitale. Stiamo già attivando nuovi laboratori come quello di sartoria al fine di rendere sempre più “visibili” all’esterno delle mura carcerarie i “talenti” che questi detenuti hanno dimostrato e dimostrano di avere”.

La cerimonia di consegna dei manufatti in creta è proseguita con un concerto degli allievi della scuola musicale di Francavilla Fontana, diretta dal Maestro Antonio Curto, che si sono esibiti in brani di musica italiana, internazionale e canti di Natale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento