Ai domiciliari col braccialetto, va al pronto soccorso ma non rientra

Un brindisino di 41 anni detenuto per atti persecutori rintracciato in centro, arrestato e condotto in carcere

BRINDISI – È difficile andarsene in giro per la città con un braccialetto elettronico. Ti trovano subito. È accaduto al brindisino C.O. di 41 anni, sottoposto agli arresti domiciliari per reati di tipo persecutorio. L’uomo si era recato la pronto soccorso dell’ospedale “Antonio Perrino” per alcune cure, ma poi non aveva fatto rientro immediato a casa. Secondo i militari, C.O. se ne era invece andato in giro per la città senza autorizzazione, e nella tarda serata è stato rintracciato ed arrestato per evasione in flagranza in una piazza del centro urbano, dai carabinieri del Norm della compagnia e da quelli della stazione Brindisi Centro. Su disposizione del magistrato competente, C.O. è stato trasferito in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento