Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

Il gesto è stato compiuto il 9 febbraio scorso, l’uomo fu trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi e ricoverato in rianimazione

OSTUNI – Un 40enne di Ostuni detenuto ai domiciliari per scontare il residuo di una condanna a 8 mesi e 6 giorni per i reati di minaccia, violenza privata e porto abusivo di armi, si è tolto la vita ingerendo una sostanza a base di acido. Il gesto è stato compiuto il 9 febbraio scorso, l’uomo fu trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi e ricoverato in rianimazione ma il suo cuore ha cessato di battere nella mattinata di oggi, giovedì 20 febbraio. Dalle indagini effettuate dal commissariato di polizia di Ostuni non sono emersi i motivi del gesto. La salma è a disposizione della famiglia per funerali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento