Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

Il gesto è stato compiuto il 9 febbraio scorso, l’uomo fu trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi e ricoverato in rianimazione

OSTUNI – Un 40enne di Ostuni detenuto ai domiciliari per scontare il residuo di una condanna a 8 mesi e 6 giorni per i reati di minaccia, violenza privata e porto abusivo di armi, si è tolto la vita ingerendo una sostanza a base di acido. Il gesto è stato compiuto il 9 febbraio scorso, l’uomo fu trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi e ricoverato in rianimazione ma il suo cuore ha cessato di battere nella mattinata di oggi, giovedì 20 febbraio. Dalle indagini effettuate dal commissariato di polizia di Ostuni non sono emersi i motivi del gesto. La salma è a disposizione della famiglia per funerali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento