Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

Il gesto è stato compiuto il 9 febbraio scorso, l’uomo fu trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi e ricoverato in rianimazione

OSTUNI – Un 40enne di Ostuni detenuto ai domiciliari per scontare il residuo di una condanna a 8 mesi e 6 giorni per i reati di minaccia, violenza privata e porto abusivo di armi, si è tolto la vita ingerendo una sostanza a base di acido. Il gesto è stato compiuto il 9 febbraio scorso, l’uomo fu trasportato d’urgenza all’ospedale Perrino di Brindisi e ricoverato in rianimazione ma il suo cuore ha cessato di battere nella mattinata di oggi, giovedì 20 febbraio. Dalle indagini effettuate dal commissariato di polizia di Ostuni non sono emersi i motivi del gesto. La salma è a disposizione della famiglia per funerali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

  • Coronavirus: 22 nuovi contagi e un decesso in provincia di Brindisi

  • Controlli anti contagio: multati un barbiere e il suo cliente a Brindisi

  • Coronavirus: trend in calo in Puglia, nel Brindisino altri 12 contagi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento