Cronaca Mesagne

Armi in casa: lancia fucile nelle campagne, ma i carabinieri lo recuperano

Un 47enne di Mesagne sorpreso con una doppietta con matricola abrasa e un secondo fucile senza matricola, oltre a 48 cartucce

MESAGNE – Ha tentato di disfarsi di un fucile lanciandolo nelle campagne, ma i carabinieri hanno facilmente recuperato l’arma clandestina. Non solo. In casa è stato recuperato anche un secondo fucile illegale. Il 47enne Roberto Natale Palmisano, di Mesagne, è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della locale stazione. 

I militari si sono recati ieri mattina (lunedì 31 settembre) presso la sua abitazione, per una perquisizione. Alla vista degli uomini in divisa, l’uomo, con la scusa di doversi recare nel giardino retrostante per legare i cani, ha tentato di sbarazzarsi di una doppietta marca Carrai & Piccinali calibro 16 con matricola abrasa e ribattuta e di due pacchi contenenti 48 cartucce, lanciando il tutto in un terreno limitrofo. Ma i carabinieri hanno recuperato arma e munizioni. 

Fucile 4-2

Poi, nel cassetto dell’armadio del corridoio, le forze dell’ordine hanno recuperato anche un secondo fucile (calcio, calciolo, grilletto, paragrilletto, canne e bindella) privo di matricola e posto sotto sequestro. Palmisano, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi, con l’accusa di detenzione illegale di arma e ricettazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi in casa: lancia fucile nelle campagne, ma i carabinieri lo recuperano

BrindisiReport è in caricamento