Detenzione illegale di armi da guerra e ricettazione, arrestato un giovane

Un 27enne deve espiare la pena residua di 2 anni 2 mesi e 17 giorni di reclusione

FRANCAVILLA FONTANA – I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana hanno arrestato in ottemperanza all’ordine di Esecuzione per la carcerazione, emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, Nico Passiate, 27enne del luogo. L’uomo deve espiare la pena residua di 2 anni 2 mesi e 17 giorni di reclusione per detenzione illegale di armi da guerra e ricettazione, reati perpetrati con l’aggravante di aver commesso il fatto  per agevolare l’associazione di tipo mafioso nota con la denominazione di “Sacra Corona Unita”.

L’operazione a seguito della quale venne arrestato denominata “Scacco agli Imperiali”, è stata condotta dai militari della Compagnia carabinieri di Francavilla Fontana coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce.

A Mesagne i carabinieri hanno arrestato un 17enne originario della provincia di Taranto, domiciliato a Mesagne. A carico del giovane è stata eseguita un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare, emessa dal Tribunale per i Minorenni di Taranto, in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari in Comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giovane che ha al suo attivo una serie nutrita di vicende penali, è indagato per detenzione al fine di spaccio di stupefacente. L’aggravamento del provvedimento scaturisce dall’allontanamento arbitrario dal luogo di espiazione una Comunità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento