Cronaca

Di nuovo scene di panico all'Ipercoop, ma l'allarme si rivela falso

Ancora fuggi fuggi. Di nuovo scene di panico nelle gallerie del centro commerciale Ipercoop "Le Colonne", all'inizio della strada Statale 7 che collega Brindisi a Taranto. Ma stavolta, per fortuna, nessun rapinatore è entrato in azione

BRINDISI – Ancora fuggi fuggi. Di nuovo scene di panico nelle gallerie del centro commerciale Ipercoop “Le Colonne”, all’inizio della strada Statale 7 che collega Brindisi a Taranto. Ma stavolta, per fortuna, nessun rapinatore è entrato in azione. E’ stato un falso allarme, intorno alle ore 21 di oggi , 4 agosto, a causare momenti di grande concitazione, con decine di clienti che si sono riversati all’esterno dell’edificio, temendo che fosse in pericolo la loro incolumità.

Sul posto si sono recati anche i carabinieri della compagnia di Brindisi, i quali hanno constatato l’infondatezza dell’allarme. Evidentemente è ancora vivo nell’immaginario collettivo il ricordo dell’assalto armato perpetrato lo scorso 17 luglio ai danni della gioielleria “Follie D’oro”, situata a pochi metri dall’ingresso principale dell’ipermercato. E così si è scatenato il caos quando si è attivato l’allarme antincendio (me nessun incendio in realtà era in atto) accompagnato da una voce automatica che invitava i clienti ad evacuare. 

Nel giro di qualche minuto, appurato che l’allarme era infondato, è tornata la calma. Per fortuna nessuno ha riportato ferite nella ressa. Di certo si sono ripetute delle scene analoghe alla tarda mattinata del 17 luglio, quando il raid dei rapinatori originò il timore di un attentato, a pochi giorni dai drammatici fatti di Nizza. E poi c’è l’altro precedente: la rapina del 3 dicembre 2014, sempre ai danni della gioielleria “Follie D’oro”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di nuovo scene di panico all'Ipercoop, ma l'allarme si rivela falso

BrindisiReport è in caricamento