menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipendenti Equitalia in agitazione. "Sede inadeguata"

BRINDISI - Una sola sede per servire un bacino di 400mila abitanti (caso unico nel territorio nazionale, dicono gli interessati), e per di più inadeguata ai bisogni dell'utenza e disagevole per il personale, mentre non si sa quando partiranno e avranno fine i lavori nei locali che si sarebbero dovuti aggiungere a quelli -attigui- attuali, in via S.Lucia.

BRINDISI - Una sola sede per servire un bacino di 400mila abitanti (caso unico nel territorio nazionale, dicono gli interessati), e per di più inadeguata ai bisogni dell'utenza e disagevole per il personale, mentre non si sa quando partiranno e avranno fine i lavori nei locali che si sarebbero dovuti aggiungere a quelli -attigui- attuali, in via S.Lucia. E per tutto questo il 4 giugno è stata indetta un'assemblea sindacale per decidere eventuali azioni di lotta. I protagonsiti dello stato di agitazione sono i dipendenti di Equitalia E.Tr. SpA di Brindisi.

"Nonostante i ripetuti inviti all'azienda, sin dal dicembre 2007, data del trasferimento nei nuovi locali di Via Santa Lucia, a porre rimedio alle anomalie riscontrate e denunciate, sono giunte solo promesse -accusa una nota dei sindacati Fabi, Uilca e Fisac- che, puntualmente, tali sono rimaste. Per altro, l'Azienda ha dichiarato sulla stampa che i lavori di ristrutturazione sarebbero partiti a breve (era marzo 2010), ovvero in primavera, ma, in questi mesi non si è visto neanche l'ombra di un operaio. Tutto questo, mentre da ottobre 2009 l'Azienda paga l'affitto di un locale, attiguo all'attuale sede, ad oggi inutilizzato. Una situazione, questa, che incide notevolmente anche sui servizi all'utenza costretta a prendere quasi d'assalto gli unici quattro sportelli (tra cassa e informazione) della provincia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento