Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Dirigente del Verdi licenziata: via al processo, per il Comune avvocato di Lecce

Prima udienza in Tribunale su ricorso di Daniela Angelini: il giudice del lavoro propone un accordo con reintegrazione part-time e stipendio dimezzato, come suggerito dagli avvocati dell'ex funzionaria della Fondazione

BRINDISI – E’ approdato in Tribunale, davanti al giudice del lavoro, il caso della dirigente della Fondazione del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi, Daniela Angelini, licenziata dall’ormai ex sindaca Angela Carluccio, nell’ottica di un taglio delle spese per il funzionamento della struttura.

Il giudice Toni, nell’udienza di ieri, ha invitato le parti a trovare un accordo proponendo una soluzione che, a quanto pare, era stata evidenziata dagli avvocati della stessa ex funzionaria prima di azionare il ricorso: reintegrazione nella Fondazione che venne tenuta a battesimo dal sindaco Domenico Mennitti, con contratto di lavoro da full time a part time e conseguente riduzione dello stipendio nella misura della metà dell’importo originariamente corrisposto. Il tutto previa definizione delle competenze della dottoressa e quindi delle mansioni.

Angelini, era l’unica dirigente della Fondazione, incarico di responsabilità riconosciuto a far data dal primo dicembre 2007, per l’organizzazione e la comunicazione: importo lordo annuo pari a 76.254,87 euro stando agli ultimi dati “trasparenti” e in quanto tali pubblici e pubblicati riferiti al 2015. La funzionaria, dopo essere stata messa alla porta con lettera firmata dall’ex prima cittadina in veste di presidente della Fondazione, ha impugnato il licenziamento affidando incarico agli avvocati Bina Valentina e Ornella Stamerra, entrambi del foro di  Brindisi. Mentre la Fondazione, di cui è socio il Comune, ha preferito fare affidamento su un professionista non solo esterno a Palazzo di città, ma iscritto al foro di Lecce e ha conferito incarico a Luigi Melica.

In aula erano presenti entrambe le parti: Angelini con i suoi legali e per la Fondazione, accanto al legale, c’era Valentina Marolo, diventata responsabile organizzativo della struttura. L’avvocato Melica dovrà riportare la proposta del giudice alla Fondazione e di conseguenza al Comune, rappresentato dal neo commissario prefettizio Santi Giuffrè, nominato dopo la caduta della sindaca Angela Carluccio, per effetto dello scioglimento immediato delle Assise, in conseguenza delle dimissioni in blocco di 17 consiglieri comunali nel pomeriggio di venerdì 26 maggio. Le parti, quindi, torneranno in Tribunale prima della fine dell’estate.

In occasione dell’udienza è emerso che in seguito al licenziamento, la Fondazione ha riconosciuto all’ex dirigente Angelini otto mensilità a titolo di mancato preavviso più 40 giorni di ferie. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dirigente del Verdi licenziata: via al processo, per il Comune avvocato di Lecce

BrindisiReport è in caricamento