Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

Disagi a Campo di Mare: carcassa di tartaruga spiaggiata e arenile sporco

n turista pulisce la spiaggia con il rastrello, poche centinaia di metri più in là la carcassa di una tartaruga spiaggiata in putrefazione che emana cattivi odori. Distese di spiaggia libera piene di alghe secche e materiale di ogni genere. Non versa in buone condizioni, a quanto pare, la spiaggia libera di Campo di Mare

CAMPO DI MARE – Un turista pulisce la spiaggia con il rastrello, poche centinaia di metri più in là la carcassa di una tartaruga spiaggiata in putrefazione che emana cattivi odori. Distese di spiaggia libera piene di alghe secche e materiale di ogni genere. Non versa in buone condizioni, a quanto pare, la spiaggia libera di Campo di Mare, marina del Comune di San Pietro Vernotico. Eppure, nonostante il recente cambio di amministrazione, la ditta che si occupa della pulizia della spiaggia è sempre la stessa, così come è sempre lo stesso il capitolato di appalto.villeggiante pulisce la spiaggia-3

A quanto pare, come mostrano le foto inviate a corredo di questo articolo alla redazione di questo giornale da alcuni lettori, qualcosa non sta funzionando per il verso giusto. “Questo è il quarto anno che trascorro le vacanze in questo posto e non ho mai visto la spiaggia in queste condizioni” diceva agli altri spiaggianti un uomo che qualche giorno fa, stanco di stendersi tra le alghe secche e materiale di risulta, ha impugnato un rastrello e si è messo a spazzare l’arenile. La scena non è passata inosservata e qualcuno ha voluto immortalare la situazione e inviarla alle redazioni giornalistiche.

spiaggia campo di mare sporca-2Questa mattina, sabato 4 luglio, invece, la spiaggia libera compresa tra lido Calidoski e lido Gogò era quasi tutta impraticabile, piena di alghe e sporcizia: sempre a giudicare dalle foto sembrerebbe che la macchina pulisci spiagge non vede l’arenile di Campo di Mare da giorni, forse settimane. Nel pomeriggio, invece, una coppia di spiaggianti è incappata nella carcassa in putrefazione di una tartaruga, in località “cimalo”, ai piedi della Falesia, precisamente nei presi del ristorante “La Lampara”. Ma quella, fino allo scorso anno, era zona interdetta all’accesso, allo stazionamento e alla balneazione, causa pericolo di crollo della Falesia. Al momento non sono state emesse ordinanze che vietano di frequentare quel tratto di spiaggia ma si presume sia ancora pericolosa, forse per questo non viene frequentata agli addetti ai lavori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disagi a Campo di Mare: carcassa di tartaruga spiaggiata e arenile sporco

BrindisiReport è in caricamento