menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Torretta trasformata in una discarica abusiva: residenti esasperati

Sono lì da una settimana, ma nessuno interviene per rimuoverli, nonostante le segnalazioni dei residenti. E' una situazione di scempio quella che si è creata a ridosso del campo di calcio di via della Torretta, al rione Paradiso. Cumuli di rifiuti, perlopiù materiale edile di risulta, sono stati scaricati al centro della strada che costeggia il muro perimetrale dell'impianto

BRINDISI – Sono lì da una settimana, ma nessuno interviene per rimuoverli, nonostante le segnalazioni dei residenti. E’ una situazione di scempio quella che si è creata a ridosso del campo di calcio di via della Torretta, al rione Paradiso. Cumuli di rifiuti, perlopiù materiale edile di risulta, sono stati scaricati al centro della strada che costeggia il muro perimetrale dell’impianto, al confine con le campagne.

Oltre ai mattoni provenienti da un cantiere edile, le foto pubblicate a corredo dell’articolo documentano anche la presenza di un mucchietto d’erba Rifiuti in via Torretta 2-2colmo di sacchetti di plastica. Alcuni cittadini hanno contattato il vicino comando di polizia municipale, segnalando la discarica abusiva. Da quanto riferito da alcune persone una pattuglia di vigili urbani si è anche recata sul posto per un sopralluogo, delimitando i rifiuti con un nastro.

Ma non basta. I residenti chiedono che quell’obbrobrio sparisca quanto prima e che venga sanzionata la ditta che ha inquinato l’area. Anche perché questa zona del rione Paradiso è da tempo in balia di inquinatori senza scrupoli, come testimoniato dal fenomeno dell’abbandono selvaggio di rifiuti che affligge i piazzali di parco Bove. 

Rifiuti in via Torretta 4-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento