Cronaca

Campagne disseminate di rifiuti: caccia ai "padroncini di autocarri"

Altre quattro discariche scoperte dai forestali in contrada Gonella, fra scarti edili e di auto-carrozzeria

Altri quattro cumuli di rifiuti, anche pericolosi, sono stati rinvenuti in contrada Gonella, a sud-ovest di Brindisi, in località “Villa Pignicedda”. La scoperta dell’ennesimo scempio ambientale nelle campagne del capoluogo è stata fatta dai carabinieri forestali della stazione di Brindisi, nell’ambito dei controlli sistematici per il contrasto ai reati ambientali nelle aree rurali e periurbane. La zona è stata già in passato, anche recente, oggetto di interventi e sequestri da parte degli stessi militari. 

Sequestro rifiuti Villa Pignicedda 3-2

Vi sono stati rinvenuti quattro cumuli principali, di 100, 80, 75 e 70 metri quadri di superficie, rispettivamente, dove sono stati scaricati, a più riprese, rifiuti di varie tipologie: scarti di demolizioni edili, pneumatici fuori uso, scarti di auto-carrozzeria, infissi in legno e vetro, rifiuti urbani e “big bags”. I carabinieri hanno sottoposto a sequestro preventivo penale le suddette aree, per interromperne l’utilizzo illecito, e hanno redatto un’informativa inoltrata alla Procura della Repubblica di Brindisi, per il momento a carico di ignoti, per il reato di gestione illecita di rifiuti e deposito incontrollato.

Sequestro rifiuti Villa Pignicedda 2-2

Sono tuttavia in corso serrate indagini, in quanto i carabinieri forestali hanno esaminato con cura i cumuli di rifiuti, estraendovi tracce che possono ricondurre ai responsabili. E’ pertanto possibile che nei prossimi giorni possa essere dato un nome almeno ad alcuni degli inquinatori, da ricondurre con ogni evidenza al diffuso fenomeno dei “padroncini” di autocarri, che raccolgono rifiuti vari nella città, scaricando poi nelle campagne circostanti, per lo più lungo la viabilità secondaria ed in luoghi nascosti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campagne disseminate di rifiuti: caccia ai "padroncini di autocarri"

BrindisiReport è in caricamento