menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
MariaTeresa Nisi

MariaTeresa Nisi

Domani i funerali delle due amiche

LATIANO – Una strada troppo pericolosa, una strada buia e stretta, che ha stroncato brutalmente tante giovani vite a causa di incidenti stradali. La strada vecchia che da Mesagne conduce a Latiano, ieri sera ne reclamate altre due. Mariateresa Nisi e Lorena Lecci entrambe 21enni, sono uscite fuori strada sicuramente – così come confermato dagli inquirenti – a causa dell’asfalto reso viscido e fangoso dalla pioggia caduta in questi giorni.

LATIANO - Una strada troppo pericolosa, una strada buia e stretta, che ha stroncato brutalmente tante giovani vite a causa di incidenti stradali. La strada vecchia che da Mesagne conduce a Latiano, ieri sera ne reclamate altre due. Mariateresa Nisi e Lorena Lecci entrambe 21enni, sono uscite fuori strada sicuramente - così come confermato dagli inquirenti - a causa dell'asfalto reso viscido e fangoso dalla pioggia caduta in questi giorni.

Alla guida della Fiat Punto c'era Mariateresa Nisi: la ragazza ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere violentemente contro un albero di ulivo. Le due amiche sono morte sul colpo. I funerali si terranno domani pomeriggio alle ore 15 presso la chiesa Sacro Cuore di Gesù a Latiano. Mariateresa e Lorena, compagne inseparabili, saranno insieme anche nell'ultimo viaggio.

Non c'è stato scampo. Il tempo non è stato gentile, il destino crudo e letale. Mariateresa e Lorena sorridenti come sempre stavano tornando a Latiano dopo un felice pomeriggio di shopping. Il perché abbiano scelto proprio quella strada e non la Statale 7 o la Provinciale 45 per far rientro a casa, non sarà mai noto. Quasi due chilometri percorsi senza un palo dell'illuminazione sull'asfalto mancante anche dalla linea spartitraffico. Una brusca manovra, una distrazione o forse la velocità sostenuta, dopo appena aver fatto una piccola curva, una delle cause che ha fatto perdere il controllo della Fiat Punto a Mariateresa Nisi.

L'auto ha prima impattato col muso sul terreno fangoso e poi è stata sbalzata sull'albero d'ulivo che si trovava sul lato sinistro della strada. Nell'abitacolo schiacciato, le due ragazze si sono avvicinate tanto da sembrare strette in un abbraccio. Mariateresa e Lorena sono morte sul colpo a causa di gravissimi traumi cranici.

L'allarme è arrivato al 113 poco dopo le 20.30, lanciato da alcuni automobilisti di passaggio che si sono accorti della Fiat Punto fuori strada e con due corpi all'interno. Poco dopo sul posto è arrivata una volante della Polizia di Stato che ha avvertito i carabinieri di Mesagne e il 118. Due ambulanze per Mariateresa e Lorena, le quali all'arrivo dei primi soccorritori non davano più cenni di vita. I corpi delle 21enni erano incastrate tra le lamiere dell'auto ed è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per estrarre i corpi. Per loro non c'era più niente da fare, oramai. I loro cuori si erano già fermati, sicuramente al momento dell'impatto. I sanitari del 118 di Mesagne non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.

Dalla ricostruzione fatta dai carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni e della stazione di Mesagne, non ci sarebbero altre vetture coinvolte. Gli stessi militari della stazione di Mesagne coordinati dal maresciallo Gabriele Taurisano, stanno verificando se le vittime indossassero le cinture di sicurezza e se la vettura viaggiasse nel limite, indicato in quel tratto, di 50 km/h.

Il magistrato di turno Valeria Farina Valaori, vista la dinamica dell'incidente e i rilievi effettuati dagli inquirenti, non ha ritenuto necessario disporre l'esame autoptico sui corpi delle giovani vittime, rilasciando il nulla osta per la consegna delle salme già nel pomeriggio di oggi alle rispettive famiglie. Le amiche per la pelle, Lorena e Mariateresa, rientreranno a Latiano domattina intorno alle ore 10.30 direttamente presso la chiesa Sacro Cuore di Gesù. I funerali si terranno invece nel pomeriggio alle ore 15.

Mariateresa voleva continuare la carriera di famiglia, diventare una pasticcera professionista mentre Lorena una brava parrucchiera. Due 21enni solari e con tanti sogni nel cassetto stroncati dalla pioggia ieri sera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento