Cronaca

Si apre la stagione venatoria: la Forestale pronta a far rispettare i divieti

Secondo il calendario venatorio emanato dalla Regione Puglia, domenica prossima 18 settembre prenderà avvio la stagione venatoria 2016-2017, che si concluderà il 29 gennaio

Secondo il calendario venatorio emanato dalla Regione Puglia, domenica prossima 18 settembre prenderà avvio la stagione venatoria 2016-2017, che si concluderà il 29 gennaio, per i cacciatori residenti nel territorio (dal 2 ottobre al 31 dicembre per le doppiette da altre regioni). Da domenica, quindi, sarà consentito abbattere tortore, quaglie, gazze, cornacchie grigie, lepri comuni, conigli selvatici e volpi, per un massimo di tre giornate a settimana (mercoledì, sabato e domenica), da un’ ora prima dell’ alba a un’ ora dopo il tramonto.

I divieti e prescrizioni sono quelli dettati dalla normativa quadro nazionale (L. 157/1992) e da quella regionale (L.R. 27/1998). Fra questi, il divieto assoluto di caccia nei parchi e riserve naturali, il rispetto delle distanze minime, che sono di almeno 100 metri da macchine agricole in funzione, o da fabbricati o immobili ad uso abitativo o di lavoro, e di 150 metri da strade e ferrovie.

forestale caccia-2

Il Corpo Forestale dello Stato, soprattutto nelle giornate di apertura, che tradizionalmente vedono una maggior presenza di cacciatori, riceve numerose segnalazioni telefoniche al numero d’ emergenza “1515”, da parte di cittadini che chiedono il rispetto delle norme, soprattutto in relazione agli orari di caccia, alle distanze minime, all’ ingresso in campi coltivati, al rispetto dei confini delle aree naturali protette.

Considerato che la provincia di Brindisi richiama un gran numero di fedeli della dea Artemide, e che nella stessa insistono importanti aree naturali (Riserva statale di Torre Guaceto, Parchi regionali delle Dune Costiere e di Salina di Punta della Contessa, Riserva regionale di Cerano, dei Boschi di Santa Teresa, Lucci e Preti), il Corpo Forestale dello Stato ha pianificato attività per profondere il massimo impegno con la presenza sul territorio di pattuglie, che verificheranno il rispetto delle norme, a tutela dei cittadini senza doppietta, ma anche degli stessi cacciatori, poiché le prescrizioni salvaguardano indirettamente anche la loro incolumità.

Il rispetto della legge, che garantisce le libertà di tutti i cittadini, assicura anche il mantenimento di quei delicati equilibri ecologici che le commissioni faunistiche locali hanno in costante monitoraggio, e dei cui risultati tiene conto il calendario venatorio. A ognuno il compito di fare la sua parte, per tutelare e vivere in armonia con lo splendido territorio della provincia brindisina; il Corpo Forestale dello Stato, che come ogni anno riceve sollecitazioni dal mondo dell’ associazionismo venatorio, ambientalista, dalle autorità locali, e da tanti cittadini, assicura la massima attenzione, attraverso i suoi presidi nel capoluogo (Comando Provinciale) e nella provincia (Comandi Stazione di Brindisi, Ceglie Messapica e Ostuni).

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si apre la stagione venatoria: la Forestale pronta a far rispettare i divieti

BrindisiReport è in caricamento