Cronaca Centro Storico / Via D.Alighieri

Donna con ferita da coltello alla gola in fin di vita: sequestrata l'abitazione

E' stata trovata riversa nel bagno della sua abitazione, con una ferita da taglio alla gola. Un'albanese di 50 anni residente in via Dante, a Carovigno, versa adesso in prognosi riservata nell'ospedale Perrino di Brindisi. I carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni, di concerto col pm di turno, hanno posto sotto sequestro l'appartamento

CAROVIGNO -  E’ stata trovata riversa nel bagno della sua abitazione, con una ferita da taglio alla gola. Un'albanese di 50 anni residente in via Dante, a Carovigno, versa adesso in prognosi riservata nell’ospedale Perrino di Brindisi. I carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni, di concerto col pm di turno, hanno posto sotto sequestro l’appartamento in cui la straniera risiede insieme al marito, anche lui albanese, disoccupato, e ai suoi due figli.

La dinamica dei fatti è al vaglio delle forze dell’ordine, che al momento ritengono che la pista più accreditata sia quella del tentato suicidio. Da quanto appreso, è stato il marito, intorno alle ore 12 di oggi, a imbattersi nel corpo della donna, accanto al quale c’era un coltello da cucina. L’uomo ha subito chiesto l’intervento dei soccorritori attraverso il 118.

Il personale sanitario l’ha trasportata in codice rosso verso il nosocomio brindisino. Sul posto, per i rilievi del caso, si è recata una pattuglia di carabinieri della locale stazione. L’ipotesi è che la donna si sia auto-inferta la ferita con il coltello trovato in bagno. Da una decina di giorni pare soffrisse di crisi depressive. Gli investigatori, ad ogni modo, vogliono vederci chiaro. Per questo per la giornata di domani (13 aprile) è previsto un nuovo sopralluogo all’interno dell’abitazione, durante il quale verrano effettuati ulteriori rilievi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna con ferita da coltello alla gola in fin di vita: sequestrata l'abitazione

BrindisiReport è in caricamento