rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Mesagne

Donna in balia di un marito violento: la polizia pone fine all'incubo

Notificato un divieto di avvicinamento alla moglie a un 31enne che di continuo ricopriva la vittima di minacce e insulti

MESAGNE – Umiliava e minacciava di continuo, anche di morte, la moglie. Grazie all’intervento dei poliziotti del commissariato di Mesagne al comando del vicequestore Rosalba Cotardo, si è interrotto l’incubo di una donna finita in balia di un marito (e padre) violento. L’uomo, un 31enne del posto, è stato raggiunto dalla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa emessa dal gip del tribunale di Brindisi, su richiesta del pubblico ministero della locale Procura che ha coordinato le indagini. Il provvedimento restrittivo gli è stato notificato dagli uomini della Squadra di polizia giudiziaria del commissariato. 

Quella emersa nel corso delle indagini è una vicenda di violenza familiare che si consumava all’interno delle mura domestiche, senza la presenza di alcuno che potesse riferirne, parlarne, per sostenere la vittima.  Questa, per lunghissimo tempo, da quanto appurato dagli inquirenti, ha subito un’ondata di insulti e minacce. La stessa, intimorita, non trovava il coraggio di sporgere denuncia e neanche di avviare le pratiche della separazione.

L’escalation di violenze, grazie alla denuncia sporta ed ai riscontri raccolti dagli investigatori, nonché alla tempestività della magistratura, è stata interrotta dal provvedimento cautelare che ha costretto il marito ad allontanarsi dalla moglie e non avvicinarsi a lei per reiterare il suo comportamento, con conseguenze ben più gravi laddove dovesse violarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna in balia di un marito violento: la polizia pone fine all'incubo

BrindisiReport è in caricamento