rotate-mobile
Cronaca Francavilla Fontana

Donne in ostaggio, ma scatta l'allarme

FRANCAVILLA FONTANA - Aprono la banca e si trovano di fronte due rapinatori armati. Mattinata shock per due impiegate dell'istituto di credito Carime di via Roma nella Città degli Imperiali. Erano circa le 8 del mattino quando si sono ritrovate ostaggio di due rapinatori armati di pistola e con il volto coperto da passamontagna. I malviventi, secondo la ricostruzione degli investigatori, durante la notte si sarebbero aperti un varco nella banca in via Manzoni, alle spalle dell'ingresso principale, praticando un foro nella parete.

FRANCAVILLA FONTANA - Aprono la banca e si trovano di fronte due rapinatori armati. Mattinata shock per due impiegate dell'istituto di credito Carime di via Roma nella Città degli Imperiali. Erano circa le 8 del mattino quando si sono ritrovate ostaggio di due rapinatori armati di pistola e con il volto coperto da passamontagna. I malviventi, secondo la ricostruzione degli investigatori, durante la notte si sarebbero aperti un varco nella banca in via Manzoni, alle spalle dell'ingresso principale, praticando un foro nella parete.

Dal varco sarebbero entrati nei locali dell'istituto di credito aspettando il personale per l'apertura delle casse. Al loro arrivo, sotto la minaccia di una pistola hanno intimato alle due impiegate di consegnare loro il denaro. Mentre una delle due donne cercava di rispondere alle richieste dei rapinatori, l'altra approfittando di un momento di distrazione attivava il segnale d'allarme. Sul posto sono arrivati quasi immediatamente i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana che hanno provveduto a circondare l'intera area della banca e poi si sono avvicinati all'ingresso principale.

I rapinatori, però, probabilmente, hanno sentito le sirene dei militari ed hanno quindi deciso di darsi immediatamente alla fuga dallo stesso varco dal quale erano entrati. I banditi sono quindi rimasti a bocca asciutta, fallendo il colpo. I carabinieri - della locale compagnia e del nucleo operativo guidati dal maggiore Alessandro Colella - stanno raccogliendo tutti gli indizi utili per identificare i rapinatori, anche attraverso le immagini del sistema di videosorveglianza della banca. Strano il fatto che il sistema di allarme non sia entrato in funzione quando i rapinatori hanno praticato il buco e sono entrati nei locali dell'istituto di credito .

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne in ostaggio, ma scatta l'allarme

BrindisiReport è in caricamento