Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Mesagne

Moria di lecci secolari dopo i lavori nella villa, i grillini presentano un esposto

Otto Lecci secolari e una Casaurina sono stati rimossi dalla villa comunale di Mesagne perché, da quanto ritengono gli attivisti del gruppo Meetup "Mesagne 5 stelle", seccati in seguito ai lavori di pavimentazione del parco conclusisi a ottobre del 2013. Del fatto nella mattinata di oggi è stato informato il personale del commissariato di polizia

MESAGNE – Otto Lecci secolari e una Casaurina sono stati rimossi dalla villa comunale di Mesagne perché, da quanto ritengono gli attivisti del gruppo Meetup “Mesagne 5 stelle”, seccati in seguito ai lavori di pavimentazione del parco conclusisi a ottobre del 2013. Del fatto nella mattinata di oggi è stato informato il personale del commissariato di polizia. È stato depositato un esposto “al fine di far chiarezza sull’abbattimento progressivo degli alberi collocati nella villa comunale – si legge in un comunicato inviato alle redazioni giornalistiche – abbiamo chiesto l’intervento delle autorità per individuare eventuali reati ipotizzabili a danno del patrimonio arboreo e della collettività”.M5S Mesagne-2

Secondo quanto accertato anche attraverso consulenze chieste a esperti (i sopralluoghi sono stati eseguiti il 17 agosto 2014 e il 16 febbraio 2015 con l’agronomo Cristian Casilli), durante i lavori di pavimentazione (l’asfalto è stato sostituito con basolato), sono state danneggiate le radici e per tutto il periodo dei lavori (da novembre 2012 a ottobre 2013) nessuno li avrebbe annaffiati. Dopo questo periodo alcuni alberi hanno presentato “fenomeni di apolessia (disseccamento) a carico di alcune branche che man mano si espandevano su tutta la chioma dei Quercus ilex (lecci) tipica di alterazioni causate a carico dell’apparato radicale”. Si sarebbero dovuti attuare “accorgimenti tecnico/agronomici per la salvaguardia e l’integrità dell’apparato radicale. I lavori hanno quindi compromesso irreversibilmente le predette piante tanto da disporre il loro abbattimento” si legge nell’esposto.

A conferma che non si tratta di attacchi di tipo patogeno gli attivisti hanno riportato anche la risposta scritta all’interpellanza urgente del sindaco all’interrogazione del 6 giugno 2014: “in data 19 maggio 2014 i tecnici comunali unitamente all’Ufficio tecnico del Co.di.Va. Bri di Brindisi, hanno provveduto ad effettuare specifici sopralluoghi per verificare eventuali attacchi di tipo patogeno sugli alberi, della villa comunale, che manifestavano segni di insofferenza vegetativa; che è stato prelevato del materiale vegetativo inviato al laboratorio del Dipartimento di patologia vegetale dell’università di Bari, che con ordinanza sindacale n°57 del 29 maggio 2014, è stato poi effettuato un trattamento fitosanitario; che dalla relazione de Co.di.Va.di.Bri dell’11 giugno 2014 non sono emerse presenza di patogeni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moria di lecci secolari dopo i lavori nella villa, i grillini presentano un esposto

BrindisiReport è in caricamento