Incendio Ecosport, i proprietari: "Il Comune non vigila"

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera giuntaci da Ambrogio Mastrangelo, presidente della cooperativa dei proprietari delle strutture esistenti nel Villaggio Ecosport di Lamasanta Piccola, Costa Merlata di Ostuni

OSTUNI – Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera giuntaci da Ambrogio Mastrangelo, presidente della cooperativa dei proprietari delle strutture esistenti nel Villaggio Ecosport di Lamasanta Piccola, Costa Merlata di Ostuni, da anni sottoposto a confisca da parte dell’amministrazione comunale per abusivismo. Attualmente il villaggio è sottoposto a confisca ed acquisito ai beni immobiliare del Comune di Ostuni, che ne è custode  in attesa della definizione ultima del contenzioso che lo oppone ai proprietari, che vorrebbero essere ammessi a condono. La maggior parte dei proprietari interessati sono della provincia di Bari, ed ora accusano il Comune di Ostuni di insufficiente vigilanza.

E’ di sabato 28 ottobre u.s. la notizia, appresa dal quotidiano on line BrindisiReport, dell’incendio divampato −per cause ancora in corso di accertamento− nel villaggio Eco Sport: non possiamo che esprimere, per l’ennesima volta, tutto il più vivo rammarico e disappunto sulla gestione della controversia con il Comune di Ostuni che, reclamando l’acquisizione al patrimonio disponibile dell’area in questione, ha nondimeno lasciato che la stessa divenisse preda di continui saccheggi, sconfinanti in una vera e propria razzia, come ha dimostrato l’operazione Domus Aurea portata a compimento dalla Polizia di Stato.

La replica del sindaco: "Lì non ci dovrebbe essere più nulla di personale"

Senza contare, l’incendio da ultimo riscontrato e le sue inevitabili conseguenze sui beni di proprietà esclusiva della cooperativa e dei suoi soci, prima che sul patrimonio ambientale. Se a questo aggiungiamo pure le recenti azioni civili esperire dall’Ente comunale nei confronti dei soci della cooperativa Eco Sport, altro sinceramente non viene da pensare se non ad un eccessivo − ed a tratti ingiustificato − accanimento. E’ appena il caso di ricordare che la cooperativa Eco Sport ha avanzato un articolato piano di recupero della zona, dichiarandosi disponibile ad interloquire con il Comune di Ostuni per ricercare la migliore soluzione possibile per tutti, naturalmente nella cornice di ciò che è possibile legalmente pianificare e realizzare.

Purtroppo nessuna delle innumerevoli bonarie iniziative assunte dalla cooperativa è mai stata presa in alcuna considerazione dal Comune di Ostuni. A questo punto, non ci resta che difendere le nostre ragioni nelle sedi giudiziarie, ove non mancheremo di richiedere il rimborso degli oneri di condono a suo tempo versati al Comune di Ostuni e riconosciuti come oggettivamente dovuti, dei tributi corrisposti negli anni, in uno al risarcimento degli ingenti danni patrimoniali subiti dalla data dello sgombero.

Il tutto, attendendo nel frattempo la prossima decisione della Corte di Cassazione penale −e, se del caso, della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che non mancheremo di adire− sulla richiesta di revoca della disposta confisca urbanistica, in assenza di una sentenza di condanna. Naturalmente, l’auspicio rimane pur sempre quello di trovare una soluzione il più possibile conciliante e bonaria, sperando, finalmente, in un’apertura del Comune ostunese.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Sgombero da alloggio popolare: la famiglia resiste, sfratto prorogato

  • Covid-19: oltre 10mila i tamponi effettuati. I positivi continuano a crescere

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento