Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Dopo l'espulsione, torna illegalmente in Italia: arrestato in stazione

Un 26enne originario dell'Albania espulso fino al 2021 dal suolo nazionale è stato sorpreso presso la stazione di Brindisi

BRINDISI – Alla vista degli uomini in divisa, ha tentato di allontanarsi. Dopo averlo fermato, gli agenti della Sottosezione polizia ferroviaria di Brindisi hanno compreso il motivo di tanto nervosismo. L’uomo, un cittadino originario dell’Albania di 26 anni, era gravato da un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Lo straniero è stato individuato stamani (lunedì 17 dicembre) nel corso di un servizio di prevenzione e repressione di fenomeni illegali in ambito ferroviario, intensificati ulteriormente in relazione alla delicata situazione internazionale nonché in concomitanza con il maggior flusso di viaggiatori per le festività natalizie. 

Dopo il vano tentativo di fuga, i poliziotti hanno sottoposto il giovane a controllo. Tramite un accertamento presso la banca dati delle forze di polizia si è scoperto, a suo carico, un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, emesso dal prefetto di Novara il 24 ottobre 2016 e valevole fino al 23 ottobre 2021, eseguito mediante accompagnamento alla Frontiera di Milano Malpensa con imbarco su volo per Tirana. 

Pertanto, tenuto conto che l’uomo era rientrato in Italia senza la speciale autorizzazione del Ministro dell’Interno, è stato arrestato per violazione della normativa sull’Immigrazione, e condotto presso la casa circondariale di Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'espulsione, torna illegalmente in Italia: arrestato in stazione

BrindisiReport è in caricamento