menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo l'infarto la raccolta fondi per acquistare un defibrillatore

Salvo grazie al defibrillatore, Carlo Amatori giornalista brindisino colpito da arresto cardiaco a maggio scorso e oggi vivo "per miracolo" ha lanciato una raccolta fondi per acquistare uno strumento salva-vita da mettere a disposizione dei cittadini

BRINDISI - Salvo grazie al defibrillatore, Carlo Amatori giornalista brindisino colpito da arresto cardiaco a maggio scorso e oggi vivo "per miracolo" ha lanciato una raccolta fondi per acquistare uno strumento salva-vita da mettere a disposizione dei cittadini. L'ininiziativa ha riscosso grande successo e il defibrillatore a breve sarà donato ala città. Di seguito la sua esperienza. 

Carissimi, come sapete lo scorso maggio sono stato colpito da un arresto cardiaco e solo, definiamolo, un “caso” fortuito (la presenza di due turisti stranieri, per altro, uno dei due medico, e l’intervento provvidenziale di due agenti di una volante del 113 con il defibrillatore) ha fatto si che questa storia avesse un epilogo che oggi sto raccontando.

Nei giorni successivi ho potuto appurare l’affetto di tanti di voi, amici, conoscenti e anche di semplici e sconosciuti cittadini (la notizia, quel giorno, ha “scosso” la città).  Mi ero ripromesso che, una volta ristabilito, avrei voluto ringraziare tutti quanti, compreso il personale del Reparto di Cardiologia e Utic (terapia intensiva) dell’Ospedale “Perrino” per la professionalità e le cure ricevute.

Nel nostro paese l’arresto cardiaco extra ospedaliero è responsabile del 60-70 per cento dei casi di morte per cause cardiovascolari; secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore della Sanità, ogni anno i decessi per arresto cardiaco improvviso sono circa 73.000, con un ritmo di 200 vittime al giorno, una ogni 7,2 minuti. L’80 per cento dei casi di arresto cardiaco avviene in ambiente extraospedaliero: a casa, in ufficio, a scuola, per strada e spesso in presenza di testimoni. Proprio come è successo al sottoscritto. Raggiunti i dieci minuti dall’arresto cardio-circolatorio la sopravvivenza è in pratica nulla.

Incontrare tutti sarebbe stato difficile. Ed ecco l’idea: regalare alla città, a Brindisi, un defibrillatore. E’ nata così l’iniziativa “La notte del Cuore”, una serata tra amici e amici degli amici che si è tenuta con il semplice passaparola venerdì scorso e alla quale hanno contribuito il “HReverse” di Pantanagianni della famiglia Piscinelli che ha messo a disposizione la struttura, Marcello Biscosi di Ciccio Riccio, Angelo Bagnulo distributore del prosecco “958 Santero”, l’istituto di vigilanza “Siska” e l’Azienda Agricola Stefano Caroli e tanti amici che hanno offerto il proprio contributo per lo scopo.

L’obiettivo è stato raggiunto: presto consegneremo alla città il defibrillatore che, come è naturale che sia, vorrei che fosse istallato o comunque reso disponibile da qualche attività commerciale nei pressi dell’intersezione dei corsi Garibaldi, Umberto I e Roma, coinvolgendo l’Amministrazione Comunale per far sì che anche Brindisi sia una città “cardioprotetta”. Perché salvarsi da un infarto o un arresto cardiaco si può! E io ne sono la prova.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Vaccini anti Covid: in campo anche gli odontoiatri pugliesi

  • Emergenza Covid-19

    Covid. Sindaco infermiere in prima linea per somministrare i vaccini

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento