menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo la denuncia arriva l'arresto: nei guai minorenne accusato di rapina

A dicembre scorso fu denunciato perché ritenuto responsabile di due rapine in altre e tante parafarmacie e una tentata rapina in una tabaccheria. Nei giorni scorsi nei suoi confronti è stata emessa dal gip del tribunale per i minorenni di Lecce un’ordinanza di custodia cautelare

ORIA – A dicembre scorso fu denunciato perché ritenuto responsabile di due rapine in altre e tante parafarmacie e una tentata rapina in una tabaccheria. Nei giorni scorsi nei suoi confronti è stata emessa dal gip del tribunale per i minorenni di Lecce un’ordinanza di custodia cautelare per gli stessi fatti per cui era stato denunciato. Ma solo ieri i carabinieri sono riusciti a rintracciarlo e notificargli l’ordine di applicazione della misura cautelare. Si tratta del 17enne di Oria D.D.S. Le indagini a suo carico furono condotte dagli agenti della Squadra mobile della questura di Brindisi. Al giovane sono contestate tre rapine, di cui due consumate a Oria, nel novembre 2015 (il 30 e il 18) ai danni di due parafarmacie, per un bottino complessivo di 900 euro, e una tentata, avvenuta nel dicembre 2015, sempre nel comune oritano, ai danni di una tabaccheria. Il minore si presentava, all’interno degli esercizi commerciali, con volto travisato e con una pistola risultata poi essere giocattolo.

Da una decina di giorni, da quando cioè era stata emesso l’ordine di carcerazione, si era reso irreperibile, sulle sue tracce c’erano i carabinieri di Oria che all’alba di ieri, lunedì 17 maggio, lo hanno individuato all’interno di un’abitazione e arrestato. Dopo le formalità di rito, è stato trasferito nella comunità pubblica per minori di Lecce.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento