rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Ceglie Messapica

Droga, due cegliesi scarcerati dal gip tornano in carcere su ricorso del pm

CEGLIE MESSAPICA – Tornano in carcere per droga due cegliesi, alla fine di un iter giudiziario che aveva visto prima l’annullamento degli arresti effettuati dai carabinieri in flagranza di reato il 20 settembre scorso, e poi nuove ordinanze di custodia cautelare disposte dal tribunale del riesame di Lecce e confermate dalla Corte di Cassazione. Si tratta di Piero Golizia di 48 e di Maurizio Basile di 47 anni: il giudice per le indagini preliminari, su richiesta dei difensori, avvocati Danilo Cito per entrambi e Domenico Conte solo per Golizia, aveva giudicato infondata la circostanza dello spaccio, ritenendo che le piantine ed i semi di marijuana di cui erano in possesso fossero una iniziativa che non avesse tali finalità.

CEGLIE MESSAPICA - Tornano in carcere per droga due cegliesi, alla fine di un iter giudiziario che aveva visto prima l'annullamento degli arresti effettuati dai carabinieri in flagranza di reato il 20 settembre scorso, e poi nuove ordinanze di custodia cautelare disposte dal tribunale del riesame di Lecce e confermate dalla Corte di Cassazione. Si tratta di Piero Golizia di 48 e di Maurizio Basile di 47 anni: il giudice per le indagini preliminari, su richiesta dei difensori, avvocati Danilo Cito per entrambi e Domenico Conte solo per Golizia, aveva giudicato infondata la circostanza dello spaccio, ritenendo che le piantine ed i semi di marijuana di cui erano in possesso fossero una iniziativa che non avesse tali finalità.

I due erano stati arrestati dai carabinieri della Stazione di Ceglie Messapica che avevano fatto un controllo nelle rispettive campagne in zona Peraro Circello, ai confini con il territorio di Martina Franca. A casa di Golizia i militari avevano scoperto e sequestrato 19 piante di canapa indiana, dieci delle quali alte già più di due metri, altre 9 in fase di crescita (erano arrivate a 45 centimetri). Poi anche 240 grammi di marijuana e 77 di hascisc, tutto pronto per lo spaccio. Nell'abitazione di Basile, invece, c'erano 6 grammi di hascisc, 36 grammi di marijuana e 14 pacchetti di semi di canapa indiana. Basile e Golizia sono stati trasferiti al carcere di Brindisi.

Ricorso del pm dopo la decisione del gip che rimetteva in libertà i due, e cinque mesi dopo i fatti i carabinieri di Ceglie sono tornati a casa dei due indagati per il nuovo arresto. Golizia e Basile sono stati trasferiti alla casa circondariale di Brindisi, in attesa dell'udienza preliminare.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga, due cegliesi scarcerati dal gip tornano in carcere su ricorso del pm

BrindisiReport è in caricamento