Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Perquisizioni antidroga della Squadra mobile: arrestati due brindisini

Altri due arresti a Brindisi per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, nel corso delle attività investigative della sezione antidroga della Squadra mobile, che sta evidentemente ricostruendo una delle nuove reti di distribuzione attive in città

BRINDISI – Altri due arresti a Brindisi per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, nel corso delle attività investigative della sezione antidroga della Squadra mobile, che sta evidentemente ricostruendo una delle nuove reti di distribuzione attive in città. In due distinti servizi sono stati trovati in possesso di quantitativi di hascisc e marijuana due soggetti piuttosto noti della malavita locale, Christian Corsano di 34 anni e Fabrizio Campioto di 35 anni.

Christian Corsano-2Il primo stock di dosi pronte allo spaccio è stato trovato nel corso di una perquisizione domiciliare avvenuta nella giornata di ieri mercoledì 1 aprile in un appartamento di piazza Machiavelli. In tutto 100 grami di hascisc e marijuana, nella disponibilità di Christian Corsano il quale, come già detto, è stato di conseguenza arrestato dal personale della Mobile.

Fabrizio Campioto-2Un secondo quantitativo sempre di hascisc e marijuana pronto per essere spacciato, è stato trovato in un appartamento di via Benedetto Croce, nella disponibilità di Fabrizio Campioto. Anche in questo caso è scattato l’arresto. La polizia ha rinvenuto anche bilancini elettronici e altro materiale per la suddivisione in dosi della sostanza stupefacente.

Su disposizione del magistrato di turno alla procura della Repubblica, il sostituto procuratore Luca Buccheri, entrambi i brindisini al centro dei servizi condotti dalla sezione antidroga della Mobile sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dei provvedimenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perquisizioni antidroga della Squadra mobile: arrestati due brindisini

BrindisiReport è in caricamento