menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una pattuglia di carabinieri di S.Pietro Vernotico

Una pattuglia di carabinieri di S.Pietro Vernotico

Due fratelli sorpresi a spacciare coca

SAN PIETRO VERNOTICO – Altri due arresti per droga a San Pietro Vernotico: dopo quello di martedì scorso, ieri due fratelli sorpresi a spacciare cocaina.

SAN PIETRO VERNOTICO - Altri due arresti per droga a San Pietro Vernotico: dopo quello di martedì scorso che ha visto coinvolto un 25enne, ieri a finire in manette con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente due fratelli di 26 e 24 anni, Cesare e Matteo Sorio, entrambi incensurati. I due sono stati colti in flagranza di reato mentre cedevano due dosi di cocaina a tre acquirenti.

I fratelli Sorio erano sotto controllo da parte dei carabinieri della locale stazione, diretti dal maresciallo Giuseppe Pisani, già da diverso tempo. I militari stavano solo aspettando il momento giusto per sorprenderli nel pieno della loro presunta attività di spaccio. Ieri sera i due a bordo di una Opel Astra si sono recati in piena campagna in contrada Monte D'Arena al confine con Squinzano e quando hanno ceduto due dosi di cocaina del peso complessivo di un grammo ricevendo in cambio 40 euro in contanti, si sono ritrovati circondati dai carabinieri.

Gli acquirenti erano tre giovani del posto che sono stati segnalati all'autorità amministrativa come assuntori. I carabinieri, come da prassi, hanno perquisito la casa dei due fratelli trovando nella camera da letto un altro mezzo grammo di cocaina. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, su disposizione del pm di turno, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, la droga e il denaro sono stati sequestrati.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento