menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di coca ed ecstasy nel parcheggio della discoteca: due arresti

Controlli della Squadra mobile e del commissariato di Ostuni nei luoghi della movida. In manette un brindisino di 22 anni e un 23enne di Polignano a Mare sorpresi con dosi di cocaina e di Mdma a Torre Canne

OSTUNI – Spacciavano cocaina ed Mdma nel parcheggio di un noto locale notturno situato a Torre Canne, marina di Fasano. Sono caduti nella rete dei controlli antidroga effettuati dai poliziotti della Squadra mobile di Brindisi, in sinergia con i colleghi del commissariato di Ostuni, il brindisino Renato Simonetti, 22 anni, e il 23enne Vito Guglielmi, originario di Polignano a mare.

Nelle ultime settimane i poliziotti hanno rafforzato i controlli presso i centri nevralgici della movida in tutta la provincia di Brindisi, per arginare Vito Guglielmi-2il fiume di sostanze stupefacenti che scorre fra i giovanissimi avventori delle discoteche. Nella notte fra domenica (25 giugno) e lunedì, gli agenti si sono appostati all’esterno del locale di Torre Canne, monitorando con attenzione l’area del parcheggio. 

Ai poliziotti non è sfuggita un’auto intorno alla quale si registrava un insolito via vai di persone. Ancor più insolito era il fatto che il ragazzo a bordo della vettura teneva il capo chino verso il tappetino, mentre, con la luce accesa, maneggiava qualcosa. A quel punto le forze dell’ordine hanno sottoposto a perquisizione sia la macchina che il giovane, si trattava del brindisino Simonetti, recuperando 18 “cipollotti” di cocaina chiusi all’estremità con del nastro isolante e 51 birillini, confezionati in cellophane, di ecstasy. 

Renato Simonetti-2Contestualmente, altri poliziotti avevano focalizzato la loro attenzione su un’altra vettura intorno alla quale avvenivano strani movimenti. A bordo del mezzo si trovava Vito Guglielmi. Questi, alla vista dei poliziotti con il cane Vargo della polizia di Stato, ha lasciato cadere per terra un involucro. Gli agenti lo hanno rapidamente recuperato, scoprendo che conteneva una dose di cocaina e 15 “francobolli” che verosimilmente erano imbevuti di droga sintetica, sui quali saranno effettuati specifici accertamenti chimici.

Successivamente i poliziotti hanno sottoposto a perquisizione anche l’abitazione del 23enne di Polignano, recuperando poco meno di 6mila euro in banconote di vario taglio, ritenute provento di attività illecita. 

Entrambi, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, sono stati condotti presso la casa circondariale di Brindisi in via Appia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento