Cronaca

Due albanesi implicati in traffici di droga catturati al porto dalla Polmare

Ancora arresti e denunce nel corso dei controlli condotti al porto di Brindisi dalla Polizia di frontiera aerea e marittima. Il personale della Polmare ha arrestato nella giornata di ieri 17 febbraio, durante il monitoraggio dei passeggeri e dei veicoli in fase di sbarco

BRINDISI – Ancora arresti e denunce nel corso dei controlli condotti al porto di Brindisi dalla Polizia di frontiera aerea e marittima. Il personale della Polmare ha arrestato nella giornata di ieri 17 febbraio, durante il monitoraggio dei passeggeri e dei veicoli in fase di sbarco dal traghetto Red Star 1 proveniente da Valona, hanno individuato e catturato due cittadini albanesi ricercati dalla magistratura italiana. In entrambi i casi, fa sapere il dirigente vicequestore Salvatore De Paolis, si tratta di narcotrafficanti,

Altin Ramolli-2Altin Ramolli, di 41 anni, era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere spiccata dal gip di Catania per importazione, trasporto, acquisto, detenzione e messa in vendita di sostanze stupefacenti del tipo marijuana, in concorso con altri, reati commessi tra Albania, Grecia e la città siciliana (sulle montagne nell’entroterra di Valona la coltivazione e la lavorazione della Cannabis è una attività ormai di proporzioni industriali, che coinvolge interi villaggi).

Genci Kajtalli-2A carico di Genci Kajtalli di 42 anni invece c’era un ordine di carcerazione della procura di Lecce per una pena residua da scontare di poco meno di 4 anni, per circostanze legate allo spaccio degli stupefacenti. Era invece appena sbarcato dal traghetto Euroferry Olimpia proveniente da Igoumenitsa un cittadino bulgaro di 46 anni, che aveva una Lancia Y con numero di targa e di telaio contraffatti. Era falsa anche la carta di circolazione della vettura, per cui l’interessato è stato denunciato a piede libero dai poliziotti della Polmare per ricettazione. Sempre negli ultimi giorni, la Polizia di frontiera ha respinto dal porto di partenza in Grecia due clandestini afghani, e circa un centinaio di cittadini albanesi che si erano presentati ai controlli di frontiera del porto di Brindisi privi dei requisiti necessari per poter entrate nel territorio nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due albanesi implicati in traffici di droga catturati al porto dalla Polmare

BrindisiReport è in caricamento