menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due rapine in sei giorni alla stessa ora: incastrato dalle telecamere e arrestato

In carcere Giuseppe Laveneziana, 32 anni, di Mesagne: ritenuto l'autore di colpi avvenuti il 17 e il 21 gennaio, il primo in una tabaccheria di Mesagne, l'altro nell'Eurospin di Latiano

MESAGNE - Due rapine in sei giorni, alla stessa ora, sotto gli occhi delle telecamere dei sistemi di videosorveglianza. Quelle immagini hanno incastrato Giuseppe Lavaneziana, 32 anni, di Mesagne, fermato con l'accusa di aver messo a segno i colpi in una tabaccheria di Mesagne il 17 gennaio e nell'Eurospin di Latiano il 21 gennaio, sempre alle 19.

Il decreto di fermo

Laveneziana Giuseppe classe 1987-2Laveneziana è stato condotto in carcere nella serata di ieri. Il decreto di fermo è stato eseguito dagli agenti del commissariato  di Mesagne e dai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Nelle prossime ore, davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi, si svolgerà l'udienza di convalida e l'indagato sarà interrogato, alla presenza del suo difensore.

Le rapine

I gravi indizi, quindi, a suo carico costituiti dalle immagini registrate dalle telecamere presenti nei due esercizi commerciali e lungo le strade vicine. La prima azione è stata consumata nella  tabaccheria di via Francesco Vita, a Mesagne, il 17 gennaio scorso: nel filmato si vede un uomo solitario, armato di pistola con il volto coperto da passamontagna. Bottino pari a 1.400 euro. 

Il successivo  23 gennaio 2019, bandito solitario in azione nell' Eurospin di Latiano: anche in questi caso ha agito  armato di pistola e con il volto nascosto da un  passamontagna. Bottino pari a 750 euro. Modalità identiche, quindi. Con una sola differenza: mentre nel primo caso il bandito è fuggito a piedi, nel secondo ha usato uno scooter.

La perquisizione

Due rapine identiche, con un unico elemento distintivo, quello del mezzo con cui il rapinatore si è portato presso gli esercizi commerciali: a piedi nella prima rapina, con lo scooter nella seconda, un Piaggio Beverly.

A casa di Laveneziana gli investigatori hanno trovato gli stessi indumenti indossati dal rapinatore solitario, una pistola scacciacani completa di munizionamento e uno scooter Piaggio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento