rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Carovigno

Due rumene sequestrate e violentate da tre connazionali, che finiscono in galera

SAN MICHELE SALENTINO – Una uscita serale che si trasforma in un incubo per due ragazze rumene aggredite da tre connazionali che, dopo averle sequestrate, hanno tentato di abusare di loro. Chiuso il cerchio delle indagini scatta l’arresto per Aurel Ioan Lazorec (19 anni), Alin Balici (23 anni) e Nicu Criscov (20 anni).

SAN MICHELE SALENTINO - Una uscita serale che si trasforma in un incubo per due ragazze rumene aggredite da tre connazionali che, dopo averle sequestrate, hanno tentato di abusare di loro. Chiuso il cerchio delle indagini scatta l'arresto per Aurel Ioan Lazorec (19 anni), Alin Balici (23 anni) e Nicu Criscov (20 anni).

Come già detto, tutti sono origine rumena, due residenti a San Michele Salentino, il terzo a Carovigno e su di loro gravano accuse di violenza privata, violenza sessuale e sequestro di persona. La richiesta di arresto è del pm Valeria Farina Valaori, accolta dal gip Paola Liaci. I fatti risalgono al 22 maggio scorso.

I tre indagati, operai edili (manovali e carpentieri), due impegnati su alcuni cantieri di San Michele Salentino, il terzo su un cantiere tra San Vito dei Normanni e Mesagne, decidono di passare una serata brava. Uno di loro contatta una delle due connazionali (le ragazze hanno 23 e 26 anni) e s'incontrano per uscire a bordo di una Opel condotta da Lazorec.

Sono circa le 22 quando il gruppo si riunisce a Mesagne, ma quella che doveva essere una serata spensierata si trasforma in un vero e proprio tentativo di stupro. Le due donne vengono portate fuori città, vagando in auto tra San Michele e Ostuni e cominciano le violenze: palpeggiamenti e rapporti forzati di diversa natura.

Non sarebbe stato consumato un rapporto completo, perché le donne dopo un po' sono riuscite a divincolarsi e fuggire, denunciando poi il fatto ai carabinieri della stazione di San Michele Salentino, che hanno svolto le indagini del caso in collaborazione con la compagnia di San Vito dei Normanni.

Il cerchio attorno ai tre si è chiuso poche ore fa con l'arresto di due rumeni sui cantieri di San Michele Salentino. Il terzo, probabilmente appreso dell'arresto dei suoi compagni di merende, si è consegnato spontaneamente ai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due rumene sequestrate e violentate da tre connazionali, che finiscono in galera

BrindisiReport è in caricamento