menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paride Margheriti

Paride Margheriti

Ecco il nuovo organigramma dell'associazione Antiracket Antimafia

L'Associazione Antiracket Antimafia presenta il nuovo organigramma provinciale di Brindisi con un ampliamento territoriale e operativo

L’Associazione  Antiracket Antimafia  presenta il nuovo organigramma provinciale di Brindisi con  un ampliamento territoriale e operativo, oltre alla nascita di nuovi presidi e alla riorganizzazione dei presidi già esistenti in provincia di Brindisi che rimane  comunque territorio di partenza e di  riferimento, si aggiungono nuove realtà  provinciali quella  di Taranto e di Lecce  e tre  nuovi coordinamenti  regionali per la Calabria, la Campania con il sindaco anticamorra di Casapesenna (paese in cui fu arrestato il capo dei casalesi Zagaria) Marcello De Rosa e la Sicilia con Salvatore Petrotta. Entro fine febbraio è prevista l’assemblea dei coordinamenti regionali che ufficializzeranno la struttura nazionale dell’organizzazione e di questo nuovo progetto.

L’obiettivo afferma Paride Margheriti coordinatore è quello di creare un’antimafia sociale 2.0 composta da giovani, professionisti, imprenditori e volontari ma soprattutto da uomini e donne che le mafie le hanno subite direttamente o indirettamente, solo in questo modo si possono realmente percepire le difficoltà reali di chi vive drammi quali l’usura, il racket o l’oppressione mafiosa.

Giovanni Falcone, diceva che la mafia ha una nascita un’evoluzione ed una fine, noi pensiamo, continua Margheriti, che purtroppo le mafie in questo momento siano nella fase della evoluzione e per poterle contrastare specie nella società civile necessita un’adeguarsi da parte dell’antimafia sociale, che non può e non deve rimanere ferma a vecchi stereotipi.

Da qui la necessità di un sostanziale rinnovamento, non anagrafico, ma di idee e di una visione che sia in grado di intercettare l’attenzione, al fine di informare, formare e contrastare ispirandoci a quella rivoluzione culturale e di coscienze che invocava Paolo Borsellino, utilizzando format innovativi adeguati all’evolversi continuo della società.

A far parte del nuovo coordinamento  provinciale per Brindisi, che opererà per i prossimi tre anni  Silvia  Martina vice coord. provinciale con delega ai rapporti sociali ed istituzioni,  Massimo Mancino  presidio “Renata Fonte” Brindisi, Paolo Marra Area legale, Roberto D’onofrio Area legale,  David Lazzari  presidio  “Giovanni  Falcone” Torre Santa Susanna e rapporti con le università, Antonella La Corte Presidio “Lea Garofalo” di Erchie, Antonio De Franco Presidio Francavilla Fontana,  Barbara Coppola  dirigente provinciale,  Francesca Carfarella Psicologa, Annarita Manca presidio San Pietro Vernotico, nelle prossime settimane saranno ufficializzati  due  nuovi presidi in provincia, oltre che la nuova struttura dello storico presidio “Paolo Borsellino” di Oria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento