Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Ecologica offre nuovi servizi:il canone mensile aumenta di 49mila euro

Cinque giorni  di tempo per leggere, valutare e rimodulare l’offerta arrivata dalla società Ecologica pugliese e dire sì: il Comune ha dato il via libera “all’implementazione del servizio di igiene ambientale” che, vuol dire raccolta dei rifiuti nella zona industriale, pulizia dei parchi e deiezioni canine, più installazione di isole ecologiche, a fronte di un aumento di 49mila euro

BRINDISI – Cinque giorni  di tempo per leggere, valutare e rimodulare l’offerta arrivata dalla società Ecologica pugliese e dire sì: il Comune ha dato il via libera “all’implementazione del servizio di igiene ambientale” che, vuol dire raccolta dei rifiuti nella zona industriale, pulizia dei parchi e deiezioni canine, più installazione di isole ecologiche, a fronte di un aumento di 49mila euro sul canone mensile che l’Amministrazione riconoscerà alla ditta di Capurso.

Il 2 luglio scorso, secondo quanto afferma il Comune, anche se la data riportata nella lettera è il 6 luglio, è partita la proposta rivolta all’Amministrazione cittadina e il 7 è approdata in Giunta, dove è arrivato l’ok del sindaco Mimmo Consales e di cinque assessori su otto. Erano assenti Carmela Lo Martire, titolare della delega al Bilancio, Cosimo D’Angelo responsabile dei Lavori pubblici e Giuseppe De Maria chiamato alle Attività produttive. A relazionare ai colleghi è stato l’assessore al ramo Antonio Monetti, il quale è partito dal ricordare che Ecologica pugliese svolge il servizio di “raccolta, trasporto dei rifiuti solidi urbani e assimilabili da avviare allo smaltimento-recupero-differenziata” dal 17 novembre 2014, per effetto dell’ordinanza sindacale del 21 ottobre precedente. E che la società resta titolare del servizio per altri sei mesi a far data dal 18 maggio scorso, ma con una serie di novità, tenuto conto della volontà di incrementare la raccolta.

In primis la srl vuole “potenziare il servizio di raccolta dei rifiuti abbandonati su strade e aree pubbliche, tramite l’uso giornaliero – fatta eccezione per la domenica – dalle 13 sino alle 19 di due squadre composte da un autista-operatore di secondo livello, alla guida di un autocarro con vasca”. Operazione che “comporterebbe un costo annuo di 175.049,02 euro”. Al Comune l’idea è piaciuta e dovrà essere attuata “tramite un’efficace collaborazione con gli uffici, finalizzata all’individuazione dei soggetti responsabili degli abbandoni”, ma a fronte di un costo più contenuto, pari a 171.599 euro che al mese sono 14.299,92.

In secondo luogo, Ecologica ha proposto la pulizia dei parchi Punta Penne, Punta del Serrone, Sbitri e Cillarese: “svuotamento dei cestini e utilizzo, per due volte a settimana, di un operatore di secondo livello dotato di veicolo Piaggio porte impiegato per tre ore al giorno” e in più “servizio di disinfestazione antialare durante la stagione estiva, con cadenza mensile”. Tutto al costo annuale di 10.520,80 euro. Proposta ritenuta “apprezzabile” ma con una riduzione della spesa a 10.233,80 euro, ossia 872,75 al mese.

La terza novità riguarda la “raccolta delle deiezioni canine” sui marciapiedi: è stata offerta la “fornitura di 30 contenitori, muniti di distributore automatico di sacchetti” ed è stato proposto lo svuotamento con l’impiego nei giorni feriali di un operatore di secondo livello alla guida di un furgone attrezzato. Costo stimato l’anno pari a 72.981,79 euro, mentre il Comune si è fermato a 71.255,98, ossia 5.938 al mese.

Ecologica pugliese, inoltre, prevede di avviare un “servizio sperimentale per la raccolta differenziata presso la zona industriale”. In che modo? Attraverso un “censimento delle utenze presenti in modo da acquisire preventivamente i dati relativi ai rifiuti , distinti per tipologia”, così da effettuare la consegna di contenitori dotati di codice a barre, per avere la possibilità di monitorare in maniera puntuale la produzione dei rifiuti della singola unità. Il lavoro sarà assegnato, ad esclusione della domenica, a una squadra composta da un autista di terzo livello e un operatore di secondo, con automezzo con vasca. Quattrocento sono i carrellati di capacità da 240 litri. Il costo previsto dalla società è di 245.459,99 euro, ma per il Comune la spesa è pari a 168.554,66, vale a dire 14.046,22 al mese, stando alle verifiche svolte.

“In definitiva, la proposta, così come rimodulata, prevede a fronte dell’esecuzione dei servizi, la corresponsione di un costo mensile, iva compresa, di 49.086,23 euro”, si legge nella relazione presentata in Giunta. “Il canone mensile passerebbe dall’attuale importo di un milione e 265mila a un milione e 314.086,23”, è scritto. “Canone che risulta inferiore sia a quello relativo all’ultima gara pubblica inerente il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani espletata da questa Amministrazione ad ottobre 2013 e aggiudicata provvisoriamente alla società Aimeri srl, sia a quello erogato a suo tempo a Monteco srl”. I servizi dovranno essere eseguiti “con personale non appartenente alla platea storica e con mezzi non impegnati nelle normalità attività”, ha tenuto a sottolineare il Comune che ha anche precisato che Ecologica dovrà adottare “quanto necessario ad impedire che il personale impiegato possa vantare pretestuosi diritti relativi all’appartenenza all’organico della platea storica nelle future gare per l’assegnazione del servizio”. Patti chiari, quindi.

In ultimo, Ecologica ha proposto di posizionare otto isole ecologiche negli stessi punti in cui ci sono quelle composte da contenitori di grandi dimensioni, destinati alla raccolta di umido, carta, plastica, vetro e metalli, da svuotare quotidianamente. In tal modo vorrebbe sostituire il ripristino delle isole interrate, previsto dal capitolato d’appalto, a fronte di 150mila euro. Vero è che lo stesso capitolato contempla la possibilità, entro 60 giorni, che l’appaltatore possa proporre soluzioni alternative, ma pur sempre di pari qualità. Per questo il Comune ha invitato la ditta a “prevedere postazioni informatizzate che consentano al gestore di monitorare i conferimenti dell’utenza e a quest’ultima di ottenere premialità per la differenziazione dei rifiuti”, con sistema di videosorveglianza. Tutto per un valore appunto di 150mila euro, da consegnare in proprietà all’Amministrazione. Ora la società ha dieci giorni di tempo per dare risposte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecologica offre nuovi servizi:il canone mensile aumenta di 49mila euro

BrindisiReport è in caricamento