Cronaca

Ecologica Pugliese, sindacati: "Intraprese numerose azioni legali"

Riceviamo e pubblichiamo una nota firmata dai rappresentanti territoriale di Uil-Yrasporti, Fiadel e Ugl (rispettivamente Cosimo Greco, Luciano Saponaro ed Ercole Saponaro) sulla costituzione di un comitato in cui si sono raggruppati circa 50 dipendenti

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una nota firmata dai rappresentanti territoriale di Uil-Yrasporti, Fiadel e Ugl (rispettivamente Cosimo Greco, Luciano Saponaro ed Ercole Saponaro) sulla costituzione di un comitato in cui si sono raggruppati circa 50 dipendenti della ditta Ecologica Pugliese, appaltatrice del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e di nettezza urbana per conto del Comune di Brindisi, per intraprendere delle azioni legai volte a recuperare i crediti con la stessa azienda. 

Uiltrasporti, Fiadel e Ugl, dal mese di Febbraio 2016 hanno avviato, con il proprio legale, le azioni dovute per il recupero delle somme dovute ai lavoratori dalla società Ecologica Pugliese a titolo di cessione del quinto dello stipendio, e non versate agli istituti Creditori, ottenendo dal tribunale di Brindisi decreti ingiuntivi esecutivi nei confronti del Comune di Brindisi, a seguito dei quali la società Ecologica Pugliese ha proposto ai lavoratori titolari dei decreti (alcuni dei quali oggi nel comitato), la sottoscrizione di un' accordo conciliativo con la quale l'azienda si impegnava a saldare tutto quanto loro dovuto, cosa che è avvenuta come da copia dei bonifici di pagamento effettuati dall'azienda e in possesso del Ns legale.

Sempre nello stesso accordo, la società Ecologica Pugliese si impegnava a versare tutte le spettanze dovute ai Ns iscritti a titolo di TFR, in due rate con scadenze precise (21 giugno 2016 e 21 luglio 2016) le quali se non saranno rispettate, diventeranno pignoramenti contro terzi, presso il Comune di Brindisi.

Questo accordo è stato sottoscritto dalle scriventi OOSS alla presenza del nostro legale e dell'amministratore unico della società, in quanto c'è un riconoscimento ed una attestazione della Ecologica Pugliese dei debiti della stessa nei confronti dei lavoratori da noi rappresentati.

In riferimento alla ormai consolidata prassi del ritardato pagamento degli stipendi, le scriventi OOSS hanno sempre formalmente contestato, e diffidato l'azienda per tale inadempienza, ed in più circostanze abbiamo proclamato lo stato di agitazione. Di tali violazioni abbiamo sempre informato l'amministrazione comunale, ed il nostro legale ha più volte richiesto l'applicazione del NUOVO CODICE DEGLI APPALTI D.LGS.

N.50/2016, chiedendo il pagamento diretto dei lavoratori. Per la mensilità di Maggio, le scriventi OOSS hanno già provveduto a notificare al comune di Brindisi formale diffida all'applicazione del sopra citato Dlgs., per poter pagare direttamente i lavoratori che ormai sono stanchi ogni mese, ad avere problemi per il continuato ritardo dei pagamenti da parte della Ecologica Pugliese. Inoltre nella giornata del 16/06/2016 le scriventi OOSS hanno tenuto un'assemblea di tutti i lavoratori, nei locali aziendali, informando gli stessi della situazione e delle motivazioni reali per le quali l'amministrazione comunale sta ritardando il pagamento del canone alla Ecologica Pugliese, e per cui la società non sta retribuendo i dipendenti, nella stessa abbiamo ricevuto mandato dai lavoratori di mettere in campo specifiche azioni di lotta.

Le scriventi OO.SS ritengono di aver agito nell'interesse esclusivo dei lavoratori nostri rappresentati di aver preteso i diritti degli stessi in tutte le sedi opportune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecologica Pugliese, sindacati: "Intraprese numerose azioni legali"

BrindisiReport è in caricamento