menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Educazione e alimentazione": aperto uno sportello di ascolto al Di Summa

Il punto d'ascolto sarà gestito da una pedagogista con il supporto di dietiste, sotto la Responsabilità del Dr. Pasquale Fina, Dirigente dell'Unità Operativa di Igiene della Nutrizione

BRINDISI - Attivo presso l’Unità Operativa Igiene della Nutrizione del Dipartimento di Prevenzione Asl Br lo “Sportello di Ascolto su Educazione e Alimentazione”, rivolto a chiunque avverta la necessità di comunicare le proprie esperienze e le proprie azioni, ricostruendone il senso, in un percorso che, attraverso un atteggiamento consapevole, conduca verso un corretto stile di vita alimentare.

Il punto d’ascolto, situato a Brindisi presso il Complesso Di Summa - ex Palazzina San Lorenzo, sarà gestito da una pedagogista con il supporto di dietiste, sotto la Responsabilità del Dr. Pasquale Fina, Dirigente dell’Unità Operativa di Igiene della Nutrizione. Al Servizio, totalmente gratuito, si accede previo appuntamento telefonico contattando il numero 0831 510095.

L’attività sarà effettuata anche presso le scuole - ove richiesto - in collaborazione con genitori e insegnanti, per attuare una corretta informazione atta a prevenire i disturbi del comportamento alimentare e promuovere la cultura della salute e del benessere fisico e mentale nei bambini e negli adolescenti.  

Il Documento Programmatico del Piano Regionale della Prevenzione 2014/2018 evidenzia che la situazione nutrizionale è un importante determinante di salute di una popolazione, e che alimentazione non corretta e sedentarietà, con conseguenti sovrappeso e obesità, sono importanti fattori di rischio nello sviluppo di gravi patologie. In Puglia si stima che il 55,3% degli adulti sia normopeso o sottopeso, il 30,6% sovrappeso e il 14,1% obeso (dati Report PASSI Puglia 2012). Questa stima corrisponde complessivamente a circa un milione e 200mila persone di 18-69 anni, di cui circa 800mila in sovrappeso e 400mila obesi e risulta sostanzialmente in linea con la con la media nazionale.
Dai risultati dell’indagine “Okkio alla Salute” 2014 emerge che tra i bambini della nostra Regione il 3,5% risulta in condizioni di obesità severa, il 9,95% risulta obeso, il 23,1% sovrappeso, il 61,4% normopeso e il 2% sottopeso. Complessivamente il 36,6% dei bambini presenta un eccesso ponderale che comprende sia sovrappeso che obesità.

Una dieta ad alto tenore di grassi e ad elevato contenuto calorico è associata ad aumento del peso corporeo che nel bambino tende a conservarsi fino all’età adulta. Una dieta qualitativamente equilibrata, in termini di bilancio fra grassi, proteine e glicidi, e la sua giusta distribuzione nell’arco della giornata, contribuisce a produrre e/o a mantenere un corretto stato nutrizionale.

La comunicazione, la narrazione e l’ascolto sono alla base dell’attività dello sportello, per favorire nei cittadini, in coerenza con il Piano regionale della Prevenzione, un livello di conoscenza e consapevolezza che migliori il controllo della salute. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento