Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Via Cicerone

La denuncia: "Ondata ai furti ai danni dei contenitori di abiti usati"

Ignoti aprono le lamiere con una cesoia e si introducono all'interno dei cassonetti gialli. Il sospetto che gli indumenti rubati vengano poi rivenduti per pochi euro

BRINDISI – Si aprono un varco con una cesoia e poi si introducono all’interno del cassonetto, razziando gli indumenti. Con questo modus operandi sono stati saccheggiati più volte i contenitori gialli di abiti usati gestiti dalla cooperativa sociale “Nuova promozione umana”. La maggior parte dei furti (perché di veri e propri furti si tratta) è stata perpetrata in via Cicerone, traversa di via Appia. A seguito di un incendio di chiara origine dolosa appiccato lo scorso novembre, la cooperativa, fra l’altro, ha già dovuto rimuovere i contenitori che si trovavano in via Sicilia, all’esterno della chiesa di San Vito Martire.

“Ultimamente – dichiara il presidente della cooperativa, Giuseppe Fella – abbiamo subito almeno sei saccheggi. Ogni volta siamo costretti aa69919a8-7f72-4210-99d0-8039d2423e1d-2 sborsare fino a 500 euro per riparare un contenitore. Si tratta di somme consistenti per una piccola cooperativa come la nostra. Ma la cosa che più ci rammarica è che a pagarne le conseguenze sono i collaboratori che effettuano l’attività di raccolta del vestiario”.

bb05738e-6698-4565-8ad0-4b813e0b3e20-2La “Nuova promozione umana” è presente infatti in 11 comuni. Il compito di effettuare la raccolta degli indumenti viene affidato a persone bisognose, per qualche centinaia di euro al mese. “Cerchiamo di dare una mano – spiega il presidente – a dei ragazzi che vivono in condizioni di estremo disagio. Ma se i contenitori vengono messi fuori uso, purtroppo non riusciamo a dare il nostro contributo a questi volontari”.

Il sospetto è che dietro ai continui furti ci sia un gruppetto di stranieri che rivende per pochi euro a capo gli abiti rubati. “Ma noi – spiega Fella – siamo sempre disponibili ad aiutare chiunque. Se si ha bisogno di qualcosa, basta rivolgersi alla nostra cooperativa o alla comunità parrocchiale della chiesa di San Vito Martire. Sono insensati questi saccheggi, oltre che estremamente rischiosi. Basta una piccola disattenzione, infatti, per tagliarsi sulla lamiera di ferro, riportando gravi ferite”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia: "Ondata ai furti ai danni dei contenitori di abiti usati"

BrindisiReport è in caricamento