Post diffamatori su Torre Guaceto: "Affronterò il giudizio con serenità"

Riceviamo e pubblichiamo un intervento di Elio Lanzillotti, rinviato a giudizio per diffamazione tramite l'uso di Facebook

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Elio Lanzillotti sul rinvio a giudizio nell’ambito del procedimento per il reato di diffamazione tramite l’uso di Facebook nei confronti dell’ex presidente del consorzio di gestione dell’oasi di Torre Guaceto, Vincenzo Epifani. 

Nei giorni scorsi Brindisi Report ha pubblicato che il 13 giugno p.v. inizierà il processo che mi vede imputato per aver “diffamato” il Consorzio di Torre Guaceto ed in particolare Vincenzo Epifani ex Presidente.

Oggi apprendo che l’Assemblea Consortile con la partecipazione del Sindaco di Carovigno Massimo Lanzillotti ha deliberato di costituirsi “parte civile” contro di me. Affronterò il primo processo della mia vita con serenità e dignità e nonostante le mie condizioni di salute sarò sempre presente in aula. Ho totale fiducia nella magistratura e nei miei legali e ho la certezza che la verità emergerà e che sarà fatta giustizia.

Torre Guaceto è stata e rimarrà una delle cose più importanti della mia vita ma è anche un immenso patrimonio naturalistico e culturale nazionale e internazionale. Fare luce su cosa è accaduto nella gestione della Riserva negli ultimi anni è estremamente importante per questo auspico che la stampa non si limiti solo a dare notizia del processo ma che sia presente anche nella fase dibattimentale per poi informare in modo corretto e puntuale l’opinione pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento