Arresto in flagranza dopo un tentato omicidio: elogio per due carabinieri

Il brigadiere capo Giovanni Archintelli e l’appuntato scelto Vincenzo Mazza fermarono un uomo subito dopo aver aperto il fuoco a Torre Canne

FASANO -  Il comandante provinciale dei carabinieri di Brindisi, colonnello Giuseppe De Magistris, ha incontrato il brigadiere capo Giovanni Archintelli e l’Appuntato Scelto Q.S. Vincenzo Mazza, addetti alla Sezione Radiomobile della Compagnia di Fasano, ai quali ha voluto tributare un vivo apprezzamento per l’arresto in flagranza di reato di tentato omicidio, porto in luogo pubblico di arma clandestina, alterazione di armi, ed altro nei confronti di  25enne del luogo che dopo aver sfondato  la sbarra che delimita  l’accesso degli autoveicoli, alla banchina del porto in Torre Canne, e a seguito di una furibonda lite, scaturita per futili motivi con due passanti  in evidente stato di alterazione psicofisica, si è allontanato alla guida di un’auto.

Ha così raggiunto gli scogli della località balneare distanti circa 40 metri dal luogo del litigio, nascondendosi ed esplodendo due colpi di arma da fuoco ad altezza uomo, in direzione delle due persone con le quali aveva avuto una discussione e alla presenza dei Carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fortunatamente i colpi non hanno attinto nessuno, hanno comunque creato apprensione e panico tra le persone che affollavano a quell’ora la località balneare. L’uomo, dopo aver esploso i due colpi di pistola, si è dato alla fuga a piedi sulla scogliera dove è stato raggiunto, bloccato e immobilizzato dai Carabinieri al termine di inseguimento. E’ stato trovato in possesso di una pistola marca “Beretta” cal. 7.65, con matricola abrasa resa pertanto arma clandestina, custodita in un borsello. Dall’esame è risultato che la canna dell’arma è stata filettata e alterata per l’installazione di un dispositivo artigianale con funzione di silenziatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Sversavano tonnellate di veleni: Brindisi come la "Terra dei Fuochi"

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento