Emergenza incendi, a Cellino distrutti alberi e piantagioni di ortaggi

Dalle 13.15 alle 16.45 di oggi, mercoledì 12 luglio, la Protezione civile comunale di Cellino San Marco, su chiamata dei carabinieri, è stata impegnata a spegnere un vasto incendio sviluppatosi in un terreno di circa cinque ettari

CELLINO SAN MARCO – Da giorni ormai vigili del fuoco e volontari delle varie associazioni di Protezione civile sono impegnati in tutta la provincia per spegnere roghi di sterpaglie e alberi. Ulivi in particolar modo. Dalle 13.15 alle 16.45 di oggi, mercoledì 12 luglio, la Protezione civile comunale di Cellino San Marco, su chiamata dei carabinieri, è stata impegnata a spegnere un vasto incendio sviluppatosi in un terreno di circa cinque ettari compreso tra lo stabilimento della cantina Due Palme e il cimitero, lungo via San Marco. Distrutti una decina di alberi e una serra di ortaggi. incendi cellino-2

Altre tre, invece, sono state salvate grazie al tempestivo intervento dei soccorritori. Disagi si sono verificati alla viabilità, sul posto anche il comandante della Polizia locale Gabriele Grassi che ha coordinato il traffico bloccato nel tratto interessato dall’incendio. Il fumo ha invaso anche le abitazioni circostanti.

Duro lavoro quello di questi giorni di afa per i volontari della Protezione civile di Cellino ma anche di tutte le altre associazioni che si stanno affiancando ai vigili del fuoco per gestire quella che è diventata una vera e propria emergenza purtroppo molto spesso causata da negligenza sia dei cittadini che delle amministrazioni comunali. Mantenere i terreni puliti è il primo passo per evitare il propagarsi delle fiamme ma a quanto pare si tratta di raccomandazioni che non vengono assolutamente prese in considerazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

  • Coronavirus: "Pugliesi di rientro dal Nord contattino le autorità sanitarie"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento